Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2009  giugno 07 calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Giorgio Napolitano
Il Presidente del Senato è Renato Schifani
Il Presidente della Camera è Gianfranco Fini
Il Presidente del Consiglio è Silvio Berlusconi
Il Ministro degli Interni è Roberto Maroni
Il Ministro degli Esteri è Franco Frattini
Il Ministro della Giustizia è Angelino Alfano
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Mariastella Gelmini
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Maurizio Sacconi
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Giulio Tremonti
Il Ministro della Difesa è Ignazio La Russa
Il Ministro dello Sviluppo economico è Paolo Romani
Il Ministro delle Politiche agricole è Luca Zaia
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Altero Matteoli
Il Ministro della Salute è Ferruccio Fazio
Il Ministro di Beni e Attività culturali è Giancarlo Galan
Il Ministro dell’ Ambiente è Stefania Prestigiacomo
Il Ministro dell’ Attuazione programma di governo è Gianfranco Rotondi (senza portafoglio)
Il Ministro della Gioventù è Giorgia Meloni (senza portafoglio)
Il Ministro delle Pari opportunità è Mara Carfagna (senza portafoglio)
Il Ministro delle Politiche europee è Andrea Ronchi (senza portafoglio)
Il Ministro di Pubblica amministrazione e Innovazione è Renato Brunetta (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Elio Vito (senza portafoglio)
Il Ministro di Rapporti con le Regioni e Coesione territoriale è Raffaele Fitto (senza portafoglio)
Il Ministro delle Riforme per il federalismo è Umberto Bossi (senza portafoglio)
Il Ministro della Semplificazione normativa è Roberto Calderoli (senza portafoglio)
Il Ministro del Turismo è Michela Vittoria Brambilla (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Mario Draghi
Il Presidente della Fiat è Luca Cordero di Montezemolo
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Portavoce Nazionale della Federazione dei Verdi è Grazia Francescato
Il Segretario del Partito della Rifondazione Comunista (PRC) è Paolo Ferrero
Il Presidente Nazionale della Rinascita della Democrazia Cristiana è Carlo Senaldi
Il Presidente dell’ Italia dei Valori è Antonio Di Pietro
Il Presidente del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) è Antonino Cuffaro
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti Italiani (PdCI) è Oliviero Diliberto
Il Segretario Politico della Democrazia Cristiana è Giuseppe Pizza
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Rocco Buttiglione
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale dei Popolari-UDEUR è Clemente Mastella
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Coordinatore Nazionale di Sinistra Democratica è Claudio Fava
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Dario Franceschini
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente della Rosa per l’Italia è Savino Pezzotta
Il Segretario Politico della Democrazia Cristiana - Terzo Polo di Centro è Angelo Sandri

Nel mondo

Il Papa è Benedetto XVI
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Barack Obama
Il Presidente del Federal Reserve System è Ben Bernanke
Il Presidente della BCE è Jean-Claude Trichet
Il Presidente della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Hu Jintao
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Hu Jintao
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Gordon Brown
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Nicolas Sarkozy
Il Primo Ministro della Repubblica francese è François Fillon
Il Re di Spagna è Juan Carlos I
Il Presidente del Governo di Spagna è José Luis Rodríguez Zapatero
Il Presidente dell’ Egitto è Hosni Mubarak
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Abdullah Gül
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pratibha Patil
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Manmohan Singh
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Mahmud Ahmadinejad

Ci sono arrivati un paio di son­daggi molto interessanti sul risul­tato delle europee, ma non pos­siamo parlarne, è vietato. Faccia­mo allora il punto sul viaggio di Barack Obama.

Ieri era a Parigi. Michelle e Car­là s’erano vestite tutt’e due di bianco.
Lui poi è tornato in America, mentre moglie e figlie si faran­no una settimanella di vacanza nella capitale. Cene all’Eliseo, eccetera. Obama è andato con Sarkozy e signore a commemo­rare lo sbarco in Normandia ( nella foto Afp). Il presidente francese ha ricordato i 9mila americani che si sono fatti ammazzare a beneficio dell’Europa, Obama ha esaltato il coraggio degli Alleati, capace di cambiare la storia. Belle parole, che i giornali metteranno stamattina nelle pagine interne e non so­lo perché ci sono le Europee: il sale del viaggio sta nel discorso del Cairo e nella sosta a Bu­chenwald. Però il tour di Oba­ma è stato riempito di simboli e la sosta in Normandia simboleg­gia evidentemente la riscossa della pace: gli uomini di buona volontà, tutti insieme, seppero, 65 anni fa, mettere fine all’im­mane conflitto di civiltà e co­struire un’era nuova. Una so­glia sulla quale – dice Obama – ci troviamo anche adesso: met­ter fine allo scontro di civiltà, ri­cominciare. Qui la Normandia si aggancia benissimo al discor­so del Cairo.

Nel quale il presidente aveva detto...?
Il 4 giugno, davanti a 2mila per­sone, nell’aula magna dell’Uni­versità Al-Azhar, in una città blindata contro gli attacchi ter­roristici, Obama aveva pronun­ciato in circa un’ora un discorso di 6mila parole il cui concetto chiave era questo: «L’America non può essere nemica del­­l’Islam, perché è essa stessa una nazione islamica. Dopo l’arrivo dei pellegrini giudeo-cristiani, gli Stati Uniti sono stati pacifica­mente invasi da una marea mu­sulmana che ha combattuto, go­vernato, vinto negli sport e nei premi Nobel, costruito i nostri edifici più alti, contribuito a far crescere il Paese. La prima na­zione a riconoscerci è stato il Marocco, nel 1796». Il discorso s’era aperto con un inaspettato ”Assalam Alaykum” (la pace sia con voi). stato interrotto da 25 applausi.

Un grande passo avanti sulla via della pace?
Aspetti. Questo discorso va mes­so insieme alla visita a Bu­chenwald, compiuta fianco a fianco con Angela Merkel. A Bu­chenwald vennero rinchiusi, tra il 1937 e il 1945, 250 mila es­seri umani provenienti da 50 Pa­esi diversi. Lo scrittore Elie Wie­sel, che accompagnava Obama, ha commentato amaramente che quel campo di concentra­mento tentò la prima opera di globalizzazione della storia, consistente nel diminuire l’uma­nità degli esseri umani. Dei 250 mila, 56 mila morirono e 11 mila di questi erano ebrei. L’ultimo giorno, gli internati riuscirono persino a organizzare una resi­stenza ai nazisti, favorendo l’ar­rivo alleato. In quel luogo im­pressionante, Obama ha grida­to: chi nega l’Olocausto venga qui a vedere! E si riferiva ad Ah­madinejad che corre per essere confermato presidente in Iran e sostiene che le camere a gas so­no un’invenzione. Questa dura presa di posizione è tanto più si­gnificativa perché il Presidente aveva ammesso il diritto irania­no all’energia nucleare per sco­pi civili e s’era spinto fino al pun­to di confrontare la sofferenza palestinese con quella imposta dai nazisti agli ebrei, passaggio del discorso che ha provocato critiche a Tel Aviv. E però, met­tendosi in mezzo alle parti co­me mediatore, Barack non ha ri­sparmiato colpi a nessuno: gli israeliani cessino la politica de­gli insediamenti, i palestinesi depongano le armi, gli iraniani ammettano la sofferenza degli ebrei così come noi americani abbandoniamo le arroganze del passato e riconosciamo i no­stri limiti e i nostri errori. Il Pre­sidente s’è spinto al punto di am­mettere che il sequestro degli americani nel 1979 da parte de­gli studenti di Teheran fa il paio con il contributo dato dagli ame­ricani alla liquidazione di Mos­saddeq (1953), che aveva demo­craticamente vinto le elezioni. Quindi: pace, riconoscimento storico di quanto è realmente accaduto, ricostruzione insie­me di un nuovo mondo.

Bello. Gli altri come hanno reagi­to?
In Iran aspettano le elezioni e, tutto sommato, per ora ne san­no poco, a meno che non abbia­no la parabola: il regime non fa filtrare le notizie. A Tel Aviv un sondaggio fa vedere che il 53% degli israeliani ha paura di Oba­ma. Egiziani e sauditi sono pre­occupati delle aperture all’Iran, che considerano un nemico. Ha­mas loda le aperture, ma è tal­mente alle strette che s’attacche­rebbe a qualunque cosa. I rap­porti con la Merkel non erano buoni prima e non sono buoni neanche adesso. Il presidente invece è un grande amico di Sarkozy.

E di Berlusconi?
Berlusconi? Per ora lo ha evita­to. [Giorgio Dell’Arti, Gazzetta dello Sport 7/6/2009]
(leggi)

Dai giornali