Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  febbraio 17 Sabato calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Gli ultimi sondaggi prima del voto confermano: non esiste nessuna maggioranza

Da mezzanotte non si possono più diffondere sondaggi politici, come vuole la legge sulla par condicio. Così ieri tutti gli istituti di rilevazioni statistiche hanno sfornato le loro stime su quello che accadrà il 4 marzo. Il black-out durerà finché non saranno chiuse le urne, e a quel punto avremo a che fare con i numeri reali. Questi ultimi sondaggi dicono in sostanza che, se si votasse oggi, nessuna lista o coalizione avrebbe una chiara maggioranza per governare. Dicono anche che il centrodestra è in vantaggio, il M5s è stabile e rimane la prima lista, il Pd è in discesa.  

Quanto in discesa?
Forse addirittura sotto il 22%. La coalizione formata da Forza Italia, Lega, Fdi e Noi con l’Italia ha la percentuale più alta di consensi: il 35,6% per Ipsos, il 35% per Demos, il 37% per Piepoli. Nella sfida interna relativa alla leadership del centrodestra, il partito di Berlusconi sta davanti a Salvini ma non di molto. Il M5s è dato tra il 27 e il 29%. Il centrosinistra formato da Pd, +Europa di Bonino e Civica popolare della Lorenzin oscilla tra il 25 e il 27,9%, con la lista del Pd che da sola è sotto la soglia del 25%, mentre la Bonino è in netta crescita, sopra lo sbarramento del 3%. Liberi e uguali di Grasso è tra il 5 e il 6%. In termini di seggi, che poi è ciò che conterà, secondo i calcoli di Pagnoncelli il centrodestra oggi otterrebbe 283 deputati, seguito dal centrosinistra con 158 eletti, dal Movimento 5 Stelle con 152, e da ultimo da Leu con 24. Di fatto le intenzioni di voto negli ultimi due mesi non sono cambiate quasi per niente. Il che vuol dire o che la gente ormai s’è fatta un’idea o che i leader hanno già sparato le loro migliori cartucce e ormai non riescono più a spostare consensi. Anche il caso dei rimborsi non ha danneggiato il M5s. Anzi, Di Maio potrebbe anche giovarsene, visto che non tutti erano al corrente del fatto che i parlamentari del Movimento restituivano parte dell’indennità. Una buona fetta di quelli che votano M5s lo fa per andare contro il sistema, a prescindere da programmi, candidati o scandali. Allo stesso modo: il caso di Macerata non ha spostato consensi, come molti avevano immaginato.  

• E gli incerti quanti sono?
Parecchi. Per Ipsos sono il 34%, per Demos addirittura il 43%. «È un elettorato variegato, con un’importante presenza di elettori centristi che nel 2013 avevano votato per la coalizione montiana, seguiti da elettori di centrosinistra», ha spiegato Nando Pagnoncelli. Piepoli li stima attorno al 30% e ritiene che «chi torna a votare si rifugia sempre nel passato. In sostanza chi ha votato nelle scorse tornate Pd voterà Pd. E lo stesso varrà per chi ha votato in passato Forza Italia». È molto probabile in ogni caso che il numero dei votanti sarà più basso rispetto al 75% del 2013.  

Dov’è che la sfida è più incerta?
Al Sud. Come ha messo bene in evidenza Marco Castelnuovo sul Corriere della Sera analizzando i dati di Rosatellum.info, il centrodestra è in largo vantaggio al Nord, il centrosinistra al Centro, mentre in buona parte delle regioni meridionali è sfida aperta tra Movimento cinque stelle e centrodestra. Se la coalizione di Berlusconi, Salvini e Meloni riuscisse a imporsi anche nel Mezzogiorno potrebbe ottenere la maggioranza assoluta dei seggi. Probabilmente saranno decisivi 35 collegi uninominali del Sud, dove il centrodestra al momento è in svantaggio ma ha candidati più radicati sul territorio rispetto ai grillini. Inoltre, per l’Istituto Demopolis, il 67% degli italiani non conosce i nomi dei candidati del suo collegio uninominale. Il che fa ipotizzare che dalle urne possano uscire sorprese.  

Quali sono quindi gli scenari possibili?
Senza un vero vincitore, c’è lo stallo. Sia Renzi che Belusconi vanno ripetendo che non ci sarà alcun governo di larghe intese, nessun patto del Nazareno-bis. È una posizione assunta da tutti e due per lo stesso motivo: non spaventare il proprio elettorato. Anche se il ministro dell’Interno Minniti, facendo infuriare il segretario del Pd, l’altra sera da Vespa si è detto disponibile a un «governo di unità nazionale purché col Pd», qualsiasi cosa voglia dire l’espressione «unità nazionale». In ogni caso per avere i numeri per governare si dovrebbero mettere insieme almeno il centrosinistra, Forza Italia, Noi con l’Italia e Leu. Ipotesi ancora più irrealistica un governo sovranista composto da M5s, Fdi e Lega. Da segnalare che Grasso ha aperto a un possibile accordo con i grillini, ma le due liste da sole, stando ai sondaggi, non avrebbero dopo il voto i seggi necessari.  

E senza nessuna intesa cosa può succedere?
Rimarrebbe in carica per gli affari correnti il governo Gentiloni, che non si è dimesso quando le camere sono state sciolte. Una mossa inusuale, concordata con il Quirinale, proprio per predisporre un salvagente che consenta all’Italia, perlomeno, di continuare a gallegiare. Gentiloni, tra l’altro, secondo i sondaggi, è al momento il leader più stimato. Renzi e Berlusconi si dicono pronti ad andare di nuovo alle urne con la stessa legge elettorale. Finta soluzione, probabilmente. È davvero difficile immaginare che nel giro di pochi mesi gli elettori cambino orientamento. (leggi)

Dai giornali