Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 20 Lunedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

L’Ema va ad Amsterdam, sconfitta Milano

Milano poteva diventare la sede dell’Ema e guadagnare un miliardo e 700 milioni l’anno, invece c’è stata un’estrazione a sorte ed è stata la scelta la busta che conteneva la parola «Amsterdam». Quindi l’Ema andrà ad Amsterdam e Milano deve rinunciare a questo miliardo e sette.  

Ci sono parecchie domande. Che cos’è l’Ema? Perché si sarebbe dovuta trasferire a Milano? Come mai la cosa è dipesa da una specie di lancio della monetina? Come esce fuori questo miliardo e sette? Che cosa possiamo fare per recuperarlo?
L’Ema è un acronimo di European Medicines Agency, cioè Agenzia europea delle medicine, oppure, come diciamo noi, dei farmaci. Il suo compito è pronunciarsi sulle medicine che si vogliono mettere in circolazione e autorizzarne oppure no la vendita. Molto importante, quindi. Si pensò di creare un’Agenzia europea del farmaco per aggirare le varie miopie nazionali, che erano capaci di non dare l’autorizzazione alla circolazione di una certa medicina per proteggere un’altra marca, magari di qualche importanza locale, che già circolava. La sede dell’Ema venne stabilita a Londra. E con questo lei avrà già capito perché doveva trasferirsi a Milano.  

La Brexit.
Già. Poiché il Regno Unito lacerà l’Unione europea, tutte le agenzie che erano ospitate da Londra dovranno traslocare. L’Agenzia del farmaco, o Ema, era parecchio appetita. Già il solo fatto che 950 dipendenti con relative famiglie si sarebbero trasferiti a Milano avrebbe significato, di consumi, un fatturato di 39 milioni l’anno. Con 600 ragazzi o bambini in età scolastica. I funzionari dell’Ema sono in genere giovani, il 43 per cento ha tra i 30 e i 40 anni, il 22 per cento tra i 40 e i 45, parlano le lingue, hanno cioè esperienza internazionale, e insomma solo questi elementi avrebbero rappresentato un bel miglioramento per la città. L’agenzia poi attira visitatori, perché devono rivolgersi all’Ema tutti quelli che lavorano nel settore e hanno bisogno di autorizzazioni o certificazioni. Si parla di 36mila visitatori con il loro bagaglio di notti in hotel e pranzi al ristorante, un budget da 325 milioni di euro tra stipendi e spese e soprattutto un indotto che la Bocconi ha stimato in circa 1,7 miliardi di produzione aggiuntiva e 860 occupati in più all’anno.  

Quante città si sono presentate per accaparrarsi questo boccone tanto ghiotto?
Diciannove. Ognuna ha preparato un dossier. S’è visto subito che il dossier più forte era quello di Milano. Lo hanno scritto anche il Financial Times e Le Monde e i bookmakers inglesi davano Milano favorita. Del resto non è strano: nel 2015 a Milano sono stati pubblicati 11.600 report scientifici e di questi 6.200 riguardavano le scienze della vita. La metà dei farmaci sperimentali per terapie avanzate di cui l’Ema si occupa si producono a Milano. Il settore della farmaceutica italiana, che ha Milano al suo centro, ha 130mila addetti, 30 miliardi di euro di produzione (21 miliardi di export) e 2,7 miliardi di investimenti (1,5 miliardi in Ricerca e Sviluppo e 1,2 miliardi sul lato produttivo). È la prima industria europea per crescita cumulata dell’export: dal 2010 al 2016, ha fatto registrare +52 per cento. Ai dipendenti dell’Ema è stato chiesto in quale città avrebbero preferito trasferirsi e Milano era saldamente nel gruppo di testa.  

Stando così le cose come mai Milano ha perso?
Il buon senso avrebbe suggerito che una commissione di tecnici, magari composta da americani e cinesi (cioè neutrali), esaminati i dossier delle diciannove città assegnasse la nuova sede dell’Agenzia alla città dotata del dossier più convincente. Ma la politica non conosce queste vie dritte che al senso comune appaiono ovvie. S’è deciso dunque di procedere, dopo una prima scrematura basata sui dossier, con il sistema del voto. I rappresentanti delle 27 città avrebbero votato col sistema di dare tre punti alla loro prima preferita, due alla loro seconda preferita, e uno alla terza. Se in questa fase, una città avesse raccolto almeno 42 punti (pari a 14 consensi da 3 punti) avrebbe subito vinto la gara. Altrimenti si sarebbe votato di nuovo, avendo però a disposizione un solo punto da attribuire alla città preferita tra quelle ancora in gara. Al primo giro Milano è risultata prima con 25 punti, seguita da Amsterdam e Copenhagen con 20 punti a testa e Bratslava ultima. Nella successiva semifinale a tre, con Bratislava fuori, Milano ha avuto dodici punti e Amsterdam nove. Le due città sono andate al confronto finale e sono arrivate pari: 13 punti ciascuna, benché gli aventi diritti al voto fossero 27. Ma la Slovacchia, battuta subito Bratislava (fortemente appoggiata dai tedeschi), ha deciso di astenersi nelle tornate successive. Essendo finita in parità la finale, s’è proceduto all’estrazione a sorte. Ed è uscita Amsterdam, che oltre tutto all’inizio offrirà ai dipendenti Ema una sede provvisoria costringendoli a un doppio trasloco.  

Possibilità di rifarsi?
Sull’Ema nessuna. Sul resto delle spoglie inglesi chi sa. Calderoli ha letteralmente mandato affanculo l’Europa. Il sindaco Sala col presidente della Regiona Maroni, più equilibrati, hanno detto: «C’è grande delusione ma anche la consapevolezza che si è fatto tutto quello che si poteva per avere un dossier di candidatura molto competitivo, lo si è visto nelle prime due votazioni. Dispiace, eravamo prontissimi». Sala ha poi parlato al Consiglio comunale: «Le votazioni successive sono state figlie di accordi politici. È un’occasione importante persa, ma è stata comunque una dimostrazione della forza della nostra città». (leggi)

Dai giornali