Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  febbraio 24 Sabato calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Nove giorni al voto, i partiti cercano di far dimenticare i loro programmi

È iniziata l’ultima settimana di campagna elettorale prima del silenzio pre-voto imposto dalla legge.  

E il clima non mi sembra dei più sereni.
Oggi Roma è blindata per via di cinque manifestazioni quasi contemporanee: il corteo antifascista indetto dall’Anpi e appoggiato dal Pd, la marcia dei Cobas e dei movimenti per la casa, il sit-in dei no vax a San Giovanni e quello degli antagonisti davanti al centro di permanenza di Ponte Galeria e infine in serata la manifestazione di Giorgia Meloni a piazza Vittorio. Ordine pubblico affidato a 3.500 poliziotti, controlli severi a caselli autostradali, autogrill, stazioni ferroviarie con perquisizioni di pullman e auto private. Divieto di caschi, bandiere e qualsiasi oggetto appuntito. Cortei e sit-in saranno sorvegliati da elicotteri e droni. In contemporanea Salvini sarà a Milano, a Piazza del Duomo, per un’adunata che si chiama “Ora o mai più”. Nelle locandine della manifestazione s’è visto un leader della Lega sorridente, con giacca blu e aria rassicurante, con la scritta “Prima gli italiani” (anche se si è scoperto che i modelli sui manifesti sono cechi e slovacchi). Alla stessa ora (15), a poche centinaia di metri da piazza del Duomo, in piazza Beltrami, davanti al Castello Sforzesco, quelli di CasaPound Italia si daranno appuntamento per il comizio di Simone Di Stefano e della candidata alla presidenza della Regione Lombardia, Angela De Rosa. Mentre antagonisti ed esponenti dei centri sociali e di tutte le sigle della sinistra più dura terranno un sit-in in Largo La Foppa. Il tutto nell’arco di un chilometro. Anche a Milano c’è una certa preoccupazione per l’ordine pubblico.  

Ma non sarà che anche voi della stampa state esagerando con questo allarme sicurezza?
Non so. Da inizio anno gli episodi di violenza sono stati una settantina e sono aumentati esponenzialmente in seguito alla sparatoria di Traini a Macerata e al pestaggio del carabiniere a Piacenza.
Dopo l’esponente di Forza Nuova picchiato a Palermo, il caso dell’attivista di Potere al Popolo accoltellato a Perugia, le minacce alle «guardie» incise sulla lapide di via Fani e l’irruzione di Forza Nuova negli studi di Giovanni Floris, il ministro dell’Interno Minniti ha avvertito che non saranno tollerate violenze politiche e ha ricordato che «nessun atto violento è rimasto impunito. Per tutti la reazione è stata immediata: perquisizioni, indagini, denunce circostanziate, fermi». Ieri, sulla pagina Facebook «Noi poliziotti per sempre», sono state pubblicate le immagini impressionanti di un agente ferito al gluteo da una delle schegge inserite nelle bombe artigianali lanciate giovedì sera a Torino da alcuni dei centri sociali che hanno scatenato la guerriglia in strada contro il comizio di Simone De Stefano di CasaPound.
  • A proposito di CasaPound, ho letto che Laura Boldrini vorrebbe vietarne le manifestazioni.
In realtà la presidente della Camera ha ribadito che «i gruppi che si ispirano al fascismo vanno sciolti, non perché lo dico io ma perché lo dice la Costituzione, come è accaduto negli anni Settanta». È evidente che Forza Nuova o CasaPound hanno poche possibilità di entrare in Parlamento e stanno sfruttando questa campagna elettorale per avere visibilità, anche provocando e cercando lo scontro di piazza. Quello che mi fa una certa impressione sono i richiami, come quello della Boldrini, agli anni Settanta, agli anni di piombo, quando ci si sparava e ci si uccideva per strada tra rossi e neri. In questo caso mi pare che il parallelismo non regga, oggi siamo di fronte ad atti di teppismo politico disomogeneo. E non credo che sia la politica a creare violenza, credo piuttosto che i partiti non abbiano più la capacità di arginare gli istinti più violenti presenti nella società, o in alcuni casi non vogliano arginarli. Il senso di insicurezza provocato dalle ondate migratorie viene sfruttato per giustificare discorsi che incitano al razzismo.  

• Rimpiange i partiti di una volta?
No, ma annoto che fra nove giorni andremo al voto e sappiamo già che molto probabilmente non avremo un vincitore in grado di creare un governo. Colpa di una legge elettorale pasticciata  ma anche della mancanza di leadership davvero convincenti. Di Maio inciampa tra un congiuntivo e un candidato inadeguato, il centrodestra è ancora aggrappato a Berlusconi e a sinistra Renzi è ormai delegittimato dai suoi stessi compagni di corsa, tant’è che negli ultimi giorni abbiamo assistito a Prodi e Napolitano che hanno sostenuto con calore Gentiloni, il quale domani al teatro Sistina di Roma riceverà anche l’appoggio di Veltroni. L’attuale premier non è certo il prototipo dell’uomo forte, ma almeno ha la capacità di navigare con tranquillità nella tempesta.  

Cosa dobbiamo attenderci in questa ultima settimana di campagna elettorale?
Molte polemiche e poche idee. Come ha scritto bene Federico Fubini sul Corriere della Sera, gli ultimi giorni di questa campagna elettorale probabilmente verranno ricordati non per quello che dicono i candidati, ma per ciò di cui hanno smesso di parlare. Con poche eccezioni, i partiti e i leader non citano neanche più i loro programmi, anzi si direbbe quasi che siano ormai impegnati a farli dimenticare. (leggi)

Dai giornali