Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  maggio 23 Martedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per l Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Ministro degli Affari regionali è Enrico Costa (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne
Il Segretario Generale del Partito Marxista-Leninista (PMLI) è Giovanni Scuderi
Il Presidente della Federazione dei Verdi è Angelo Bonelli
Il Segretario Nazionale dell’ Italia dei Valori è Ignazio Messina
Il Presidente del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Manuela Palermi
Il Segretario Nazionale del Partito dei Comunisti d’Italia (PCd'I) è Cesare Procaccini
Il Presidente dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Gianpiero D’Alia
Il Segretario Nazionale dell’ Unione dei Democratici Cristiani e di Centro (UDC) è Lorenzo Cesa
Il Segretario Nazionale della Rinascita Popolare-Rifondazione DC è Publio Fiori
Il Segretario Nazionale del Partito Democratico (PD) è Matteo Renzi
Il Portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori è Marco Ferrando
Il Presidente dell’ Alleanza per l’Italia (Api) è Francesco Rutelli
Il Presidente Nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) è Nichi Vendola
Il Presidente della Democrazia Cristiana Unificata è Carlo Senaldi
Il Segretario Politico Nazionale della Democrazia Cristiana Unificata è Angelo Sandri
Il Segretario Generale del Partito Comunista è Marco Rizzo

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
Il Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Primo Ministro della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Falcone, sono passati 25 anni

Ieri Mattarella è andato al Csm e ha rievocato la figura di Giovanni Falcone, il grande magistrato ucciso dalla mafia 25 anni fa (23 maggio 1992) con la moglie e i tre uomini della scorta. Il Csm, o Consiglio Superiore della Magistratura, è l’organo di autogoverno dei giudici, presieduto dallo stesso Capo dello Stato e con il potere di indagare le stesse toghe, trasferirle, premiarle. Mattarella ha espresso sostanzialmente due concetti: che la mafia non è invincibile e questa era un’idea forte del pensiero di Falcone; e che le indagini devono basarsi su riscontri certi, quindi, per esempio, dopo aver ascoltato una telefonata, il giudice che creda a quello che ha sentito non può accontentarsi, ma deve cominciare a cercare riscontri. Sono cose che noi stessi abbiamo scritto molte volte. È bene che Mattarella abbia parlato a quelli del Csm: non solo perché quella era la sede ovvia di una celebrazione in ricordo, ma perché Falcone fu tradito da tutti e tra questi traditori c’erano anche quelli del Csm, i quali, ogni volta che si trattava di mettere qualcuno al vertice di una qualche struttura sceglievano sempre il suo avversario del momento. Fu tradito, come ebbe a gridare una volta la Boccassini, proprio dai suoi colleghi.  

Non sarà che dei morti non si può dire che bene? Siamo sicuri del santino in cui abbiamo tutti trasformato questo giudice?
Se avessero avuto anche una minima ragione, Falcone sarebbe ancora vivo tra noi. Il fatto che l’abbiano ucciso, e ucciso in quel modo, è la prova che era uomo di altra pasta.  

• Come lo ammazzarono?
Falcone, escluso da tutti, isolato da tutti, s’era rifugiato al ministero di Grazia e Giustizia, a fianco del ministro Martelli. Una collaborazione che faceva gridare questi qui che le ho citato prima, e i loro giornali, compresa in prima fila “l’Unità”, dato che tra l’altro Martelli era socialista e quindi, agli occhi della sinistra, infetto per definizione. Nei fine settimana il giudice tornava a casa, e quel sabato s’imbarcò infatti sul jet di servizio in partenza da Ciampino, che arrivò a Punta Raisi alle 16:45. Lo aspettavano tre Fiat Croma blindate, una marrone, una azzurra e una bianca. Falcone si mise alla guida della Croma bianca, tenuta poi nel mezzo. Erano talmente tranquilli che non azionarono neppure le sirene. Ma al chilometro 5 dell’autostrada, dov’era lo svincolo, Totò Riina aveva fatto piazzare cinquecento chili di tritolo. Il sicario Giovanni Brusca, appostato, quando le tre macchine furono sul punto, premette il telecomando. La prima Croma saltò in aria, mentre la seconda, con Falcone al volante, andò a schiantarsi contro il muro d’asfalto che s’era improvvisamente sollevato. Sul fondo stradale s’era aperta una voragine enorme, nella quale finirono una ventina di macchine. Falcone e la moglie Francesca Morvillo morirono in poche ore. I tre agenti della prima auto, Vito Schifani, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, furono dilaniati sul colpo. Brusca è uno  dei criminali più odiosi del dopoguerra: quattro anni dopo avrebbe sciolto nell’acido il bambino Giuseppe Di Matteo.  

Ora si vorrebbero sapere soprattutto le differenze tra l’Italia di allora e quella di adesso, se in qualche modo siamo migliorati…
Falcone moriva mentre erano in corso le votazioni per la successione di Cossiga al Quirinale. Andreotti stava trattando l’appoggio socialista… Ucciso Falcone, i politici si affrettarono a eleggere Scalfaro. L’Italia di oggi è identica a quella di allora in questo: Falcone era un grande uomo e un grande magistrato, e quindi lo affossarono in fretta, perché tutto può accadere da noi, ma non che altissime responsabilità siano affidate a uomini di valore. Cossiga ha detto: «I primi mafiosi stanno al Csm. Sono loro che hanno ammazzato Giovanni Falcone negandogli la Direzione Nazionale Antimafia e prima sottoponendolo a un interrogatorio. Quel giorno lui uscì dal Csm e venne da me piangendo». Ho detto che la situazione è identica? Ho sbagliato, la situazione è peggiorata, perché un Falcone in giro non c’è più e la magistratura è degradata a una sfilza di finti Falcone che vogliono finire sui giornali o in Parlamento e che credono di costruire inchieste alla Falcone ascoltando le telefonate. Falcone cominciò smascherando i traffici americani dei mafiosi non con le intercettazioni, ma facendosi consegnare da tutte le banche i rendiconti delle movimentazioni di denaro verso gli Stati Uniti. Riscontri, riscontri, riscontri.  

• Non è una colpa lasciarsi isolare, non riuscire a far squadra con i colleghi?
Ma i colleghi lo volevano far fuori, altro che squadra. I colleghi avevano da pensare alla carriera e ai loro interessi. La Boccassini gridò a questi colleghi: «Voi avete fatto morire Giovanni, con la vostra indifferenza e le vostre critiche».  

• Non c’è qualche speranza? I grillini…
Ammesso che siano capaci di governare, si troveranno comunque contro gli apparati. Avranno bisogno di molto aiuto per farcela, perché l’Italia – fatta eccezione per quelli che sono morti - è sempre la stessa. (leggi)

Dai giornali