Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  gennaio 11 Giovedì calendario

In Italia

Il Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella
Il Presidente del Senato è Pietro Grasso
Il Presidente della Camera è Laura Boldrini
Il Presidente del Consiglio è Paolo Gentiloni
Il Ministro dell’ Interno è Marco Minniti
Il Ministro degli Affari Esteri è Angelino Alfano
Il Ministro della Giustizia è Andrea Orlando
Il Ministro dell’ Economia e delle Finanze è Pier Carlo Padoan
Il Ministro di Istruzione, università e ricerca è Valeria Fedeli
Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali è Giuliano Poletti
Il Ministro della Difesa è Roberta Pinotti
Il Ministro dello Sviluppo economico è Carlo Calenda
Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali è Maurizio Martina
Il Ministro di Infrastrutture e trasporti è Graziano Delrio
Il Ministro della Salute è Beatrice Lorenzin
Il Ministro di Beni e attività culturali e turismo è Dario Franceschini
Il Ministro dell’ Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare è Gian Luca Galletti
Il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione è Marianna Madia (senza portafoglio)
Il Ministro dei Rapporti con il Parlamento è Anna Finocchiaro (senza portafoglio)
Il Ministro dello Sport è Luca Lotti (senza portafoglio)
Il Ministro della Coesione territoriale e Mezzogiorno è Claudio De Vincenti (senza portafoglio)
Il Governatore della Banca d’Italia è Ignazio Visco
Il Presidente della Fiat è John Elkann
L’ Amministratore delegato della Fiat è Sergio Marchionne

Nel mondo

Il Papa è Francesco I
Il Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump
Il Presidente del Federal Reserve System è Janet Yellen
Il Presidente della BCE è Mario Draghi
Il Presidente della Federazione russa è Vladimir Putin
Il Presidente del Governo della Federazione russa è Dmitrij Medvedev
Il Presidente della Repubblica Popolare Cinese è Xi Jinping
La Regina del Regno Unito è Elisabetta II
Il Premier del Regno Unito è Theresa May
La Cancelliera Federale di Germania è Angela Merkel
Il Presidente della Repubblica francese è Emmanuel Macron
Il Primo Ministro della Repubblica francese è Édouard Philippe
Il Re di Spagna è Felipe VI di Borbone
Il Presidente del Governo di Spagna è Mariano Rajoy Brey
Il Presidente dell’ Egitto è Abd al-Fattah al-Sisi
Il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu
Il Presidente della Repubblica Turca è Recep Tayyip Erdogan
Il Presidente della Repubblica Indiana è Pranab Mukherjee
Il Primo Ministro della Repubblica Indiana è Damodardas Narendra Modi
La Guida Suprema dell’ Iran è Ali Khamenei
Il Presidente dell’ Iran è Hassan Rohani

Uscirà dalla magistratura il molestatore Bellomo

Ieri l’adunanza generale del Consiglio di Stato ha dato quasi all’unanimità parere favorevole alla destituzione del consigliere Francesco Bellomo. O meglio, per citare Enrico Mentana, a quel «gran porco» di Francesco Bellomo.  

Gran porco?
Lei non ha seguito la vicenda. Il barese Francesco Bellomo, magro, piacente, molto brillante a sentire chi lo ha conosciuto, dal 2005 è membro del Consiglio di Stato, massima espressione della giustizia amministrativa, quello a cui ci si appella contro le decisione dei Tar, per intenderci. Parallelamente a questo incarico, Bellomo è stato direttore della scuola di formazione per magistrati in diritto amministrativo. È una scuola che si chiama “Diritto e scienza” e organizza corsi a Bari, Roma e Milano. Nel curriculum pubblicato sul sito della scuola, ora eliminato, scrive di sé: «È accreditato […] di un Q.I. = 188 (media umana = 100)»; si definisce «studioso delle discipline a carattere scientifico, nel cui ambito ha conseguito titoli internazionali» e il suo grande risultato sarebbe l’applicazione della «teoria della relatività generale nel diritto». Si tratta di «un metodo scientifico di intendere la funzione della ragione nelle cose umane». Che il personaggio fosse particolare si sapeva da anni. E però «particolare» in che senso? Ecco quello che si vorrebbe capire a fronte delle accuse di almeno otto studentesse della sua scuola, che hanno raccontato di aver subito una lunga e bizzarra serie di molestie. Un caso da cui, oltre alla imminente radiazione dalla magistratura, sono scaturite anche due inchieste a Bari e a Piacenza.  

Questo tizio molestava in che modo? Messaggini, mani sulle gambe... Lo sa che cinque donne intellettuali francesi hanno pubblicato su Le Monde una lettera in cui sostengono, quasi quasi, che le donne hanno diritto di essere molestate, «difendiamo la libertà di importunare, indispensabile per la libertà sessuale». Hanno sottoscritto in centinaia, compresa Catherine Deneuve.
Beh, qui c’è qualcosa di diverso. Gli studenti più meritevoli potevano ottenere una borsa di studio per la scuola di formazione (che costa circa tremila euro) e Bellomo, in quanto direttore, decideva a chi dare questa borsa. Sceglieva per lo più allieve. Quindi mostrava ai prescelti un contratto che avrebbero dovuto firmare e, a volte, chiedeva di superare alcune prove. Tra le condizioni contenute nel contratto: la scrittura di articoli per la rivista Diritto e Scienza, la partecipazione a studi e convegni, ma anche un «galateo dell’abbigliamento» dettagliato che prevedeva minigonne «da 1/2 a 2/3 della lunghezza tra giro vita e ginocchio», trucco con «valorizzazione di zigomi e sopracciglia» tacco 8-12 «non a spillo». C’era anche una clausola su eventuali fidanzati. Le borsiste avrebbero dovuto assegnare un punteggio algoritmico al loro compagno e confrontarlo con il punteggio assegnato da Bellomo. Se il punteggio era troppo basso, il ragazzo non era degno di stare con la borsista. Infine, «il borsista decade automaticamente non appena contrae matrimonio». Si tratta di regole degne non di una scuola, ma di una setta. Scrive Bellomo a una sua studentessa nel 2016: «Venerdì sera, quando entro in stanza, ti metti in ginocchio e mi dici: “Ti chiedo perdono, non lo farò mai più”. Non è il significato della sottomissione, ma della solennità. Come le forme rituali». Rosa Calvi, 28 anni, ha detto al Corriere della Sera che Bellomo, per ottenere la borsa di studio, le chiese di affrontare una serie di prove: «Andare in Ferrari con lui ad alta velocità oppure passeggiare in una via di locali e scegliere il migliore».   

• Il caso come è nato?
Dalla denuncia, a fine 2016, del padre di una borsista che aveva avuto una relazione sentimentale con Bellomo. La giovane, dopo aver interrotto il rapporto, era diventata bersaglio di minacce e vessazioni da parte del magistrato. Ha rivelato il padre: «Com’era successo anche ad altre, lui poi raccontava particolari intimi delle sue relazioni sulla rivista a disposizione degli studenti. Peggio della gogna del web, perché poi i tuoi compagni sanno se hai dormito con questo o con quello, se sei stata brava, se il tuo fidanzato è un deficiente, ecc. La ragazza era obbligata al segreto. Sapeva che lui fa causa, e le vince tutte, e la sanzione in caso di rottura del segreto era di 100mila euro». La poveretta è finita in uno stato di prostrazione tale da dover essere ricoverata in ospedale.  

Lui come si è difeso?
«Giudicatemi come uomo, non come magistrato. Ho svolto il mio lavoro in modo quasi perfetto per 25 anni, anche in zone complicate come la Sicilia, non posso essere destituito per il dress code
». Così qualche tempo fa al Corriere della Sera. D’altra parte, come avrà capito, Bellomo si considera una mente superiore: «Tutti i geni, anche Einstein, si sono dovuti difendere dagli attacchi di chi non ne conosceva le idee», ha detto. Inoltre, ha sottolineato che il suo «metodo scientifico» ha prodotto la più alta quota di vincitori dei concorsi rispetto alle altre scuole. Una media del 75%, dice.   

Ma come può essere rimasto al suo posto per un anno, dopo la denuncia?
In effetti molti si chiedono: come mai il Consiglio di Stato non si è accorto prima della vicenda? Come mai ha dovuto aspettare la denuncia del padre di un’aspirante magistrata? I carteggi con le borsiste erano stati pubblicati sulla rivista della scuola, erano facilmente riscontrabili. Sorge il dubbio che il suo ambiente gli abbia permesso di portare avanti impunemente comportamenti del genere per anni. La casta che si autodifende, insomma. Comunque la decisione presa ieri non è vincolante e non sarà immediatamente operativa. Bisognerà attendere un ulteriore passaggio attraverso l’organo di autogoverno della magistratura ordinaria, il Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, che domani si riunirà e dovrebbe redigere il decreto di destituzione. Solo dopo la firma del documento da parte del presidente della Repubblica, Bellomo sarà costretto a lasciare la magistratura. (leggi)

Dai giornali