Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  maggio 17 Martedì calendario


SIMON BOCCANEGRA di Giuseppe Verdi



Abbado e Strehler per uno spettacolo che farà epoca



Josephine Baker e il gallerista con lo zibellino



UN BALLO IN MASCHERA di Giuseppe verdi



Quindici anni dopo, il “Ballo” con Gavazzeni



Grassi: «Una Scala democratica, non demagogica»



Tremila lire a sera per i valletti in livrea



Liz Taylor e Carla Fracci in ritardo sotto i flash



L’ITALIANA IN ALGERI di Gioachino Rossini



Con Abbado Sant’Ambrogio nel segno di Rossini



Il virtuosismo gioioso di Teresa Berganza



Tutti a casa presto, c’è l’austerity



FIDELIO di Ludwig van Beethoven



La prima volta del “Fidelio” all’apertura della Scala



Beethoven con la lettura eccelsa di Bohm



Le poltronissime della Scala a 60mila lire



MACBETH di Giuseppe Verdi



Abbado-Strehler, “Macbeth” esaltante alla Scala



Lastre di rame e un velo immenso



Shirley Verrett, una Lady Macbeth stupefacente



Tanti musicisti in sala. Prezzi alle stelle



OTELLO di Giuseppe Verdi



Kleiber e la diretta tv, “Otello” è un evento



Il fuoco di quel direttore, come Toscanini e De Sabata



Guerriglia urbana a Milano



In sala è ancora austerity



DON CARLO di Giuseppe Verdi



“Don Carlo” integrale per il Bicentenario



Applausi per tutti, meno che per Ronconi



Nessun ministro per i due secoli della Scala



SIMON BOCCANEGRA di Giuseppe Verdi



“Simone”, una ripresa eccellente per Sant’Ambrogio



Abbado e Strehler, grande spettacolo verdiano



BORIS GODUNOV di Modest Musorgskij



Il “Boris”, cinque ore di musica in russo



Abbado e Ghiaurov le stelle della serata



FALSTAFF di Giuseppe Verdi



L’ultimo Verdi per i terremotati dell’Irpinia



Dai pub londinesi alle bettole della bassa padana



Il baritono Juan Pons la rivelazione della serata