Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 08 Lunedì calendario

• Roma 30 giugno 1962. Monaco benedettino (dal 1991). Abate emerito di Montecassino (nominato nel novembre 2007 si dimise il 12 giugno 2013 per problemi di salute). Laureato in Medicina, la sua tesi da 110 e lode riguardava la radiologia diagnostica digitale sul carcinoma occulto della mammella.
• «Aveva altri programmi: fare il medico, magari uno di quei dottori senza frontiere che operano in Africa, e mettere su famiglia. Si entusiasmava leggendo Siddharta e davanti alle praterie silenziose di Balla coi lupi. La sua colonna sonora? Dalla e De Gregori. Ogni tanto il sabato in discoteca. Meno consueta, invece, “la chiamata di Dio, che non si può descrivere e non si può eludere”. “La mia vocazione si è manifestata in modo prepotente verso la laurea e ho dovuto vincere forti opposizioni familiari”, racconta, “ma i semi c’erano già ai tempi del liceo scientifico. Era un istituto della periferia romana, a Centocelle, dove si avvertivano di più le tensioni sociali ed erano palpabili gli effetti degli anni di piombo: il padre di una mia compagna di scuola fu ucciso dalle Brigate rosse. L’aria conflittuale che si respirava ha cominciato a farmi ripensare alle responsabilità di studente cristiano, già impegnato in attività parrocchiali» (Marisa Ranieri Panetta).