Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  novembre 16 Venerdì calendario

Tazio Nuvolari

Castel d’Ario (Mantova) 16 novembre 1892, Mantova 11 agosto 1953. Pilota. «Una delle figure più grandi nella storia degli sport motoristici, un campione per il quale il confine tra realtà e leggenda è molto labile» [1], «è ricordato come il pilota che corse nella notte tenendo i fari spenti per sorpassare senza essere visto; che gareggiò ingessato sulla motocicletta e vinse; che guidò con una chiave inglese in sostituzione del volante» [2]. Prima gara ufficiale in motocicletta a Cremona nel 1920 (ritiro), prima vittoria (su Harley Davidson) il 20 marzo 1921 sul Circuito del Belfiore, fino al 1930 alternò due e quattro ruote, poi divenne per un decennio il dominatore delle corse automobilistiche più importanti del mondo. Ultima corsa la Mille Miglia del ’48 (a 56 anni, si ritirò per problemi al motore dopo aver dominato a lungo), chiuse con un bilancio di 68 vittorie in auto e 39 in moto. [1] Le Garzantine - Sport, a cura di Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Garzanti 2008; [2] Enciclopedia dello Sport - Motori, Treccani 2002.



Biografia di Tazio Nuvolari



La prima vittoria in moto su una Harley Davidson



L’inventore della sbandata in curva



La vittoria nella “corsa a fari spenti”



Il dominatore degli Anni Trenta



Un trionfo premiato con 32mila dollari



«Il più grande pilota del passato, del presente, del futuro»