Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  dicembre 18 Martedì calendario

Stragi italiane

• Il 2 agosto 1980, alle 10.25, una bomba esplode nella stazione di Bologna uccidendo 85 persone e ferendone 218. È il più grave atto terroristico della storia repubblicana. La giustizia ha individuato tre colpevoli, tre giovanissimi neofascisti dell’epoca: Giuseppe Valerio (Giusva) Fioravanti, 22 anni nel 1980, la moglie Francesca Mambro, 21, e Luigi Ciavardini, 17. I tre si dichiarano innocenti: ammettono di aver organizzato e commesso parecchi omicidi ma, insistono, con l’eccidio di Bologna non c’entrano. Nonostante le sentenze passate in giudicato, nel tempo s’è allargata, anche a sinistra, la schiera degli innocentisti. Anche perché i mandanti non sono mai stati individuati, e altre piste (l’incidente, il terrorismo mediorientale, i servizi segreti di altri paesi) sono state ipotizzate.



Una bomba devasta la stazione di Bologna



Alla stazione di Bologna i morti sono 85



Gara di solidarietà per soccorrere i feriti



Pertini arriva a Bologna



Poco attendibili le rivendicazioni



Cossiga: strage di Bologna, matrice di destra



Tranne Pertini, politici fischiati ai funerali delle vittime della strage di Bologna



Strage di Bologna, arresti nell’estrema destra



Armi ed esplosivo sul Taranto-Milano



Uccisi due carabinieri, arrestato Fioravanti



Sparti incastra Mambro e Fiordavanti



Bologna, nasce l’Associazione tra i familiari delle vittime



«A Bologna non è stato un incidente»



Primo processo per la strage di Bologna



Quattro ergastoli per la strage di Bologna



La strage di Bologna in Corte d’appello



Assolti Fioravanti, Mambro e Gelli



Cossiga: a Bologna non fu strage fascista



Annullate le assoluzioni per la strage di Bologna



Bologna, al via il nuovo processo



Fioravanti, Mambro, Picciafuoco: ergastolo



Confermata l’assoluzione di Fachini



Picciafuoco assolto in appello



Picciafuoco fuori per sempre dalla strage



Ciavardini, che il 2 agosto aveva 17 anni



Strage di Bologna, 30 anni a Ciavardini



Bologna, mani oscure, motivi oscuri



La Cassazione: processo da rifare a Ciavardini



Pellegrino: Bologna, movente non credibile



Fioravanti in libertà condizionale



Condanna confermata per Ciavardini



Bologna, entra in scena il tedesco Kram



Trent’anni a Ciavardini per la strage



Cossiga: Bologna, un incidente dei palestinesi



Strage di Bologna, dubbi a sinistra



Francesca Mambro in libertà condizionale



Semilibertà per Ciavardini



Valerio Fioravanti torna in libertà



Carlos: la Cia dietro la strage di Bologna



Trentennale della strage, nessun ministro a Bologna





Bologna, due indagati per la pista palestinese