Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 08 Lunedì calendario

• Varese 27 novembre 1944. Economista. Insegna Economia industriale alla Luiss di Roma. Politico. A 49 anni fu il più giovane presidente del Senato (1994-1996, XII legislatura). Ministro della Difesa nel primo governo D’Alema (1998-1999).
• «Alla Bocconi mi sono laureato. C’erano Claudio Demattè, Mario Monti, Carlo Secchi. Poi ho passato un periodo alla London School of Economics. Tornai portando in Italia una disciplina nuova che era l’Economia industriale. Mi appassionava molto perché era la dottrina che metteva il funzionamento del mercato al centro del meccanismo economico. Ebbi l’incarico di insegnamento all’Università di Padova prima e alla Bocconi poi. Poi la Luiss. Mi chiamò Guido Carli, allora presidente della Confindustria. Fui rettore della Luiss per otto anni. Poi mi fu offerto di entrare in politica. Era l’anno 1992. Il Partito liberale. Ebbi il collegio che era stato di Malagodi. Nel 1994 fui rieletto, sempre come liberale, nelle liste del Polo. Prodi mi chiese di candidarmi per l’Ulivo nel 1996. Io gli risposi che mi sentivo più vicino a lui che a Berlusconi. Ma accettando la candidatura per l’opposizione avrei provocato un danno non giustificabile al Polo. Quindi accettai la candidatura del Polo, da indipendente. E fui eletto nuovamente al Senato. Con Berlusconi non ho mai legato. Si era costituito l’Udr. E io aderii. Chiesi e ottenni il posto di ministro della Difesa. A me pareva, dopo quello del presidente del Consiglio, il ruolo chiave in quel momento caratterizzato dalla crisi del Kosovo» (da un’intervista di Claudio Sabelli Fioretti). Dal 2007 di nuovo con il Pli, nella direzione: si presentò capolista al Senato alle politiche 2008, non fu eletto.
• Prima moglie Ludovica Barassi (poi compagna di Claudio Martelli), seconda moglie Delfina Rattazzi (ne ha avuto i figli Filippo e Elisabetta Thea, medico), terza moglie Cecilia Pirelli (già moglie di Marco Tronchetti Provera).
• È stato campione italiano (1961) e mondiale (1976) di vela.
• Una passione per il golf.