Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

Romulo

Biografia di Romulo

• (Souza Orestes Caldeira) Pelotas (Brasile) 22 maggio 1987. Calciatore. Centrocampista. Della Fiorentina, nel 2013/2014 in prestito al Verona. In Italia dal 2011, in precedenza ha giocato nel Cruzeiro, Atletico Panamense ecc.
• Ha il passaporto italiano per una discendenza di trisavoli di Mogliano Veneto, vicino Venezia. Inserito nella lista di 30 calciatori pre-convocati in vista dei Mondiali 2014.
• «Brasiliano tuttofare con una parlantina italiana quasi perfetta: “Posso fare il terzino destro, il centrocampista, l’esterno alto”» (Paolo Tomaselli) [Cds 19/5/2014].
• Nella stagione 2013/14 ha corso in media 13 chilometri a partita.
• «Giocavo nella Primavera della Juventude, una squadra di serie A. Sognavo di arrivare in Europa e fare anch’io un giorno la finale di un Mondiale. Ma era un periodo duro, guadagnavo poco anche per vivere. Mi mancava anche il cibo di base. Allora sconfinavo in Paraguay per comprare profumi e creme e rivenderli in Brasile a prezzi più alti. (…) A 13 anni dormivo col materasso per terra e anche insieme a un altro nello stesso letto. Ma non eravamo schiavi, perché diventare calciatori era il nostro sogno, quindi non eravamo tristi. Sapevamo che un giorno presto o tardi ce l’avremmo fatta. Anche se di quei tempi solo un altro ha fatto strada oltre a me».