Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

• Roma 22 maggio 1962. Giornalista. Del Tg5. Nel 1984 la prima collaborazione al Messaggero, laureanda all’Università Luiss, Scienze politiche indirizzo internazionale. Quindi un anno al Tg A di Emilio Fede, un altro a Tele Roma 56. Richiamata a Milano da Fede per Studio Aperto, passò al Tg5 all’arrivo di Enrico Mentana (1991). Il 12 maggio 2007 condusse la diretta del Family Day: «Ho sempre rifiutato di prender parte a manifestazioni di partito, ma sotto quel palco, c’era la famiglia italiana. C’erano destra, sinistra e centro. E i politici li abbiamo giustamente ignorati» (da un’intervista di Angela Frenda).
• «Il vero cognome sarebbe Rivetta di Solonghello. Suo padre, nobile di Casale Monferrato, era un funzionario della Fao. Lo chiamavano “il conte rosso”, perché aveva organizzato il primo sindacato dentro l’organismo dell’Onu. Paola ha cominciato a girare il mondo prestissimo con i suoi. Aveva 6 anni quando visitò la sede delle Nazioni Unite a Ginevra, 8 quando varcò la soglia del Palazzo di Vetro a NewYork» (Stefano Lorenzetto) [Grn 6/5/2007].
• Il giorno prima della morte di Giovanni Paolo II, il 1° aprile 2005, pianse in diretta: «La collega Marina Ricci mi chiamò dal
Vaticano e mi dettò
 l’ultimo bollettino medico che
 non lasciava più speranze. Lo trascrissi
 in fretta e corsi davanti alla 
telecamera. Mentre lo leggevo, mi 
presero dei singhiozzi irrefrenabili.
 Mi sentivo orfana. Riuscii a leggerlo 
sino alla fine, ma sempre 
piangendo. Il direttore Carlo Rossella mi consolò: “
Hai tirato fuori la 
tua umanità. In un momento estremo 
ci può stare anche questo”. Il
 vicedirettore Andrea Pamparana 
non era in redazione. Mi mandò un
 sms: “Non preoccuparti.
 Tutto il mondo 
piange con te”» [Lorenzetto, cit.].
• È credente e cattolica praticante.
• Sposata col collega Sebastiano Sterpa (Milano 31 ottobre 1964), un figlio, Andrea Maria.