Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

• Roma 2 agosto 1960. Architetto. Politico. Eletto alla Camera nel 2006, 2008, 2013 (An, Pdl, Fratelli d’Italia). Nel 2012 lasciò il Pdl per seguire Giorgia Meloni e Guido Crosetto nella fondazione di Fratelli d’Italia. Dal 17 giugno 2014 ne è il capogruppo alla Camera. Già campione di nuoto, iniziò col Fronte della Gioventù, segretario a Colle Oppio. «A sinistra ci considerano picchiatori. Noi invece abbiamo fatto una virata verso nuovi schemi. Pochi sanno che dopo l’aggressione a Paolo Di Nella (sprangato a morte mentre affiggeva manifesti del Fdg nel 1983, amicissimo di Alemanno, che da allora porta al collo la croce celtica che gli apparteneva – ndr) fu Gianni a dire “Stop” a chi voleva la rappresaglia. Da quel momento, le cose cambiarono. Non ne potevamo più del militante in mimetica. I ragazzi che ci arrivavano con i miti della purezza spirituale, li mandavamo a pulire il culo ai bambini» (a Francesco Grignetti).
• Nel maggio 1989 finì in carcere con Alemanno «quando provarono a bloccare il corteo presidenziale di Bush padre diretto al cimitero di Nettuno, sacrario degli americani morti nel Secondo conflitto mondiale. Narrano le cronache che prima furono caricati dalla polizia (Rampelli avrà 15 giorni di prognosi), poi inseguiti anche dagli abitanti che avevano a cuore l’avvenimento. Infine arrestati» (Eduardo Di Blasi) [Fat 19/10/2011].
• Appassionato di architettura, ha introdotto in Italia la battaglia contro l’archistar system.
• A inizio 2014 il presidente della Camera Laura Boldrini lo sanzionò con un’espulsione dai lavori parlamentari di otto sedute per aver occupato i banchi del governo e aver innalzato il cartello con sopra scritto “corrotti”.
• Sposato.