Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 08 Lunedì calendario

Franco Nero

Biografia di Franco Nero

• (Sparanero) San Prospero (Parma) 23 novembre 1941. Attore. David di Donatello nel 1968 per Il giorno della civetta (regia di Damiano Damiani). Altri film: Tristana (Luis Buñuel 1970), La polizia incrimina, la legge assolve (Enzo G. Castellari 1973), Il delitto Matteotti (Florestano Vancini 1973), Marcia trionfale (Marco Bellocchio 1976), Querelle de Brest (Rainer Werner Fassbinder 1982).
• «Uno dei pochi divi italiani da esportazione, ha lavorato con grandi registi come John Huston, Joshua Logan, Luis Buñuel, Claude Chabrol, Sergei Bondarciuk, Rainer Werner Fassbinder. Durante le riprese dell’hollywoodiano Camelot ha conosciuto Vanessa Redgrave, “la donna della mia vita”, dalla quale ha avuto il figlio Carlo» (Roberto Rombi).
• «Nello stesso anno ho interpretato Django, lo spaghetti-western di Sergio Corbucci che ha fatto il giro del mondo, e La Bibbia di John Huston che è stata il volano per il cinema internazionale. Dopo Camelot avrei potuto rimanere a Hollywood, ma ero giovanissimo, ero innamorato di Vanessa e volevo tornare in Europa. Quando avevo 21 anni alcune mie foto erano finite sul tavolo di John Huston che mi ha fatto convocare al Grand Hotel. “Spogliati nudo” mi ha detto, “voglio vedere come sei fatto”. Così sono diventato Abele nella Bibbia».
• Nel 2006 diresse il suo primo film, Forever blues, di cui era anche interprete, co-autore e produttore. Visto di recente al cinema in Mineurs (regia di Fulvio Wetzl, 2007), La rabbia (Louis Nero 2007), Bastardi (Federico Del Zoppo 2008). In tv ne La sacra famiglia (su Canale 5, 2006), L’inchiesta (Giulio Base per Raiuno, 2006), Law and Order (2011). È nel cast de Il sangue e la rosa.
• Nel marzo 2007 ha letto la Passione secondo Giovanni per l’inaugurazione di “Crucifixus”, il festival organizzato dalle province di Bergamo e Brescia per raccontare i giorni della Passione.
• Dal 2011 ha la sua stella nella Italian Walk of Fame di Toronto, Canada.
• Nel 2012 si concesse un breve ritorno ai fasti degli anni Sessanta e, su richiesta del regista, recitò un cameo in Django Unchained (Quentin Tarantino).
• Diplomato in ragioneria.