Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 08 Lunedì calendario

• Salerno 23 novembre 1932. Cardinale (creato da Giovanni Paolo II nel 2003). Presidente del Pontificio consiglio “Justitia et Pax” dal 2002 al 2009.
• Ordinato sacerdote nel 1957, laurea in Diritto canonico, nel 1962 entrò nella diplomazia. Già impegnato nelle nunziature di Nicaragua, Filippine, Libano, Canada e Brasile, tra il 1970 e il 1975 fu responsabile della Sezione per le organizzazioni internazionali della Segreteria di Stato. Dal 1980 pro nunzio in Thailandia, delegato apostolico a Singapore, Malaysia, Laos e Brunei, nel 1986 ricevette l’incarico di osservatore permanente della Santa Sede alle Nazioni Unite di New York.
• «Ha spiazzato molti in Vaticano e fuori aprendo sul tema degli ogm per combattere la fame nel mondo e sottolineando la preoccupazione della Chiesa per i cambiamenti climatici» (Lorenzo Salvia), ma ha anche polemizzato duramente con Amnesty International (accusandola di «piegarsi alle lobbies abortiste»).
• Tra i principali sponsor della comunità di Sant’Egidio, è considerato il capofila del partito antiamericano nella curia romana.
• Nel luglio 2007 protestò per lo stato dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria («un solo interminabile cantiere, continue deviazioni, impossibilità di programmare una sosta o un ristoro, tutti in coda sotto il sole accecante»), nell’aprile 2008 criticò il divieto alle elemosine imposto dal sindaco di Assisi («l’elemosina non si combatte allontanando i bisognosi, ma risolvendo alla radice le cause che generano povertà e miseria»).