Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

• Savona 2 agosto 1946. Manager. Ex amministratore delegato Ifil (dal febbraio 2009 Exor).
• «Bocconiano. Una fedeltà aziendale che ha pochi precedenti. Dopo una breve parentesi a Milano come assistente universitario presso l’istituto di Economia aziendale dell’Università Bocconi, nel settembre del 1973 è entrato all’Ifi e da allora non ha mai abbandonato la finanziaria torinese. Assistente dell’amministratore delegato per 12 anni, poi segretario generale, infine nel 1993 condirettore generale e nel 2002 direttore generale» (Giacomo Ferrari).
• Nel dicembre 2010 assolto, insieme a Franzo Grande Stevens e Gianluigi Gabetti, dall’accusa di aggiotaggio informativo in occasione dell’equity swap che nel settembre del 2005 consentì alle finanziarie degli Agnelli di mantenere il controllo della Fiat. Secondo la corte di Torino i comunicati emessi in quell’occasione da Ifi e Ifil non turbarono l’andamento del titolo. Al centro del processo, l’equity swap che le finanziarie degli Agnelli accesero nell’aprile di quell’anno con Merril Lynch attraverso Exor. Una scommessa sul corso che avrebbero avuto le azioni Fiat negli anni successivi.
• Nei consigli d’amministrazione di Fiat e Old Town – Luxembourg.