Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  novembre 27 Venerdì calendario

Anno 1901. Raggruppati per paesi. Italia

Un ritratto di Luigi Vendrasco, capomastro addetto all’Ufficio regionale per la conservazione dei monumenti del Veneto, uscito sul Corriere della Sera del 17-18 luglio 1902.

«Il cav. Vendrasco non è né ingegnere, né architetto: è un capomastro che non frequentò le scuole più in là della quarta elementare, ed ebbe a solo maestro il padre, a sola università la sua pratica. Nato a San Zenone degli Ezzolini (provincia di Treviso) nel 1821, ancor ragazzo seguì nei lavori il padre, che era capomasto. Nel 1836, cioè quando aveva appena 15 anni, ebbe dal Governo austriaco l’incarico di puntellare, nel Trevigiano, molte case scosse dal terremoto». [o.b., Cds 17-18/7/1902]





Voleva chiamare il figlio Vittoria Italia libera



Vendrasco scomodo: trasferito. Anzi, licenziato