Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

Piero Ferrari

Biografia di Piero Ferrari

• Castelvetro di Modena (Modena) 22 maggio 1945. Manager. Presidente di Piaggio Air Industries. Vicepresidente della Ferrari.
• Figlio di Enzo Ferrari (1898-1988) e Lina Lardi (1911-2006): «Lui progettava per me un futuro da agricoltore o da avvocato. In quel periodo, agli inizi degli anni ’60, la vita in scuderia era molto dura. E poi c’era un altro motivo. Papà non voleva che diventassi pilota per non vedermi coinvolto in incidenti. Non era affettuoso perché non era espansivo. Una sera, avevo circa dodici anni, papà mi portò fuori a cena. Al ritorno mi disse, come per caso: “Devo fermarmi un attimo in ufficio”. E mi fece fare un giro per l’officina per la prima volta. Non mi incoraggiò mai a entrare in Ferrari. Ma poi, una volta inserito nell’azienda, lasciò che scegliessi la mia strada e facessi tutta la gavetta, con l’unica proibizione di correre in pista» (da un’intervista di Flora Lepore).
• «Io ero legato a Lorenzo Bandini e soffrii molto quando morì a Montecarlo nel ’67. Ecco, proprio in quella occasione mio padre mi diede un suggerimento che era poi la sua linea: “Non bisogna affezionarsi troppo ai piloti, perché poi finisce così o se ne vanno a correre altrove. Restano dei dipendenti anche se molto importanti”» [Andrea Cremonesi, Gds 29/12/2009].
• Sposato con Floriana Nalin, una figlia (Antonella). A lei e ai suoi nipoti (Enzo e Piero) ha affidato il 10% dell’azienda.