Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  luglio 31 Venerdì calendario

• Roma 22 maggio 1969. Avvocato. «Un rampante imprenditore pochi anni fa sbarcato dall’America. Ma soprattutto era il genero del costruttore Gaetano Caltagirone, l’amico di Andreotti e del suo braccio destro Franco Evangelisti» (Primo De Nicola).
• Nel 2002 comprò insieme a Francesco Bellavista Caltagirone la maggioranza dell’agenzia di stampa Il VeLino [Cds 29/10/2002]. Investì poi sul settimanale di Marcello Dell’Utri Il Domenicale.
• «Ho vissuto negli Stati Uniti a lungo (…) e mi sento un sincero amico del popolo americano. Credo che proprio la cultura sia lo strumento giusto per superare immotivati residui di antiamericanismo che stagnano ancora nella nostra società» [Cds 15/6/2004]
• Il 4 maggio 2010, Chiarella fu arrestato e condotto al carcere di Regina Coeli per una bancarotta da 25 milioni di euro della società Immo.C, in seguito alla denuncia ex moglie: «Chiarella in Italia era il braccio destro di Tom Barrack, immobiliarista di Los Angeles, allora dominus della Costa Smeralda. Grazie a quegli incontri sponsorizzati da Papa, Barrack e Casale diedero vita a una società mista dalle grandissime ambizioni il cui presidente era l’ex ragioniere dello Stato Andrea Monorchio. Società poi sciolta. Chiarella e Caltagirone nel frattempo compravano da Casale per 25 milioni di euro un albergo di Cortina, l’hotel Dolomiti. E lì nacquero altri problemi. Tanto per cominciare Casale lamentava un debito di 5 milioni non avendo la coppia mai saldato l’acquisto. Nel frattempo, peraltro, la signora cacciò di casa il marito avendo scoperto che lui le aveva soffiato 8 milioni di euro dalla società comune e se la prese anche con Casale, ritenendolo socio occulto dell’ex marito. È Papa che mise pace, ma non gratis. “Per tale attività, a conclusione dell’affare, pretendeva 500mila euro di provvigione”. Per la cronaca, Simone Chiarella è stato arrestato dopo un’articolata denuncia dell’ex moglie» (Francesco Grignetti) [Sta. 17/6/2011].
• Nel 2011 ha diretto per qualche mese L’Avanti!.
• Tre figli avuti dalla ex moglie Giuseppina Caltagirone.
• Passione per la musica. Ottimo giocatore di Polo: «È uno sport appassionante. Ma qui in Italia è difficilissimo avvicinarsi e poterlo praticare» [Cds 11/9/2005]. Fu capitano del Black Polo Team e della squadra nazionale, con la quale vinse nell’agosto 2005 i campionati europei.