Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  maggio 22 Mercoledì calendario

Cronologia delle Brigate rosse

Una storia cominciata all’indomani del Sessantotto che ha insanguinato l’Italia per diciotto anni. Le Brigate rosse sono state la principale e più longeva organizzazione terroristica dei nostri anni di piombo. Pur restando fedeli a una dominante vocazione operaista e mantenendo una certa continuità di azione (per cui qui ci fermiamo al 1988 e non consideriamo per ora le Nuove Brigate rosse), non sono rimaste però sempre le stesse: nel corso del tempo hanno cambiato capi, strategie, obiettivi. In questa cronologia potete trovare i primi attentati, che hanno come teatro la fabbrica, il passaggio alla clandestinità, il salto con il rapimento del giudice Sossi, «prima operazione nazionale progettata dal Fronte della lotta alla controrivoluzione» (dal volantino di rivendicazione), i primi omicidi e la campagna contro i giornalisti. Poi gli anni dal 1978 all’80, quelli della stagione più cruenta, con il sequestro e l’uccisione di Moro, l’assassinio dell’operaio comunista Guido Rossa e la spietata esecuzione di Roberto Peci, fratello del primo pentito delle Br. Ma è proprio nel momento culminante della loro azione che comincia la crisi delle Br: divise sul tragico epilogo del caso Moro, lacerate dalla perdita dei residui consensi nelle classi lavoratrici, sconfitte infine, in larga misura, dalle confessioni dei dissociati. Dal 1974 al 1988 le Brigate rosse hanno rivendicato 86 omicidi [Zavoli 1992]. Renato Curcio, fondatore e primo capo dell’organizzazione, ha calcolato che sono state 911 le persone inquisite per aver fatto parte delle Br, più altre 2-300 riconducibili a gruppi armati che dalle Br si erano staccati.




Nasce il Collettivo politico metropolitano



Curcio, Cagol e Franceschini insieme



Nasce il simbolo della stella a cinque punte



È l’ora della lotta armata



«Ci chiameremo Brigata rossa»



Primi comunicati firmati Brigata rossa



Un’auto data alle fiamme alla Pirelli



Il “tribunale del popolo” e lo spione



La ritorsione dopo un licenziamento alla Pirelli



Otto bombe sotto gli autotreni Pirelli



La polizia in casa di Curcio



Primo documento teorico delle Brigate rosse



Le Br bruciano l’auto di La Russa



Sequestro lampo di un dirigente Siemens



Due covi Br, spuntano i nomi di Curcio e Moretti



Le Br si organizzano, nasce il primo esecutivo



Fuoco alle auto di nove impiegati Fiat



Sequestro lampo di un sindacalista Cisnal



Un opuscolo delle Br su Lotta continua



Le Br rapiscono un dirigente dell’Alfa Romeo



Dalla Chiesa a Torino contro l’eversione



Amerio, il primo sequestro di lunga durata delle Br