Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2023  gennaio 24 Martedì calendario


VIGILI SÌ, MA A SCANSARE LA FATICA – TUTTE LE SCUSE TIRATE FUORI DAI VIGILI URBANI DI ROMA PER NON LAVORARE: C’È CHI NON RIESCE A SOFFIARE NEL FISCHIETTO A CAUSA DI UNA "GRAVE INSUFFICIENZA POLMONARE" – UN PIZZARDONE NON PUÒ INDOSSARE NESSUN COPRICAPO D'ORDINANZA PERCHÉ "È CALVO" E UN ALTRO VIGILE PER COLPA DELLE MANI SQUAMATE NON PUÒ TENERE IN MANO NEANCHE UNA PENNA - A ROMA UN PIZZARDONE SU SEI È INIDONEO E LE STRADE DELLA CAPITALE SONO UN CAOS... -

C’è un detto, una frase fatta. Suona così: «Quando la realtà supera la fantasia» . Ecco. Per dare una certa consistenza al motto, non bisogna guardare troppo lontano dal Campidoglio. Basta assestarsi sulle coordinate del comando dei vigili urbani, in via della Consolazione. Lì, nell’ufficio che si occupa del personale, possono davvero dire di averle viste tutte. Perché i 945 pizzardoni inidonei nei mesi hanno presentato centinaia di incredibili certificati medici. […]

Che dire, per esempio, dell’agente con severe difficoltà a soffiare? Esiste davvero. Per assicurarsi di non essere impiegato in strada, per il controllo della viabilità, si è fatto mettere nero su bianco dal dottore una «insufficienza polmonare» tanto grave da non permettergli di poggiare il fischietto d’ordinanza sulle labbra e farsi sentire nel traffico della Capitale. Il paziente deve restare in ufficio, inchiodato alla sedia. Così la polizia municipale perde una pedina. Paga piena, esenzione dal servizio in strada assicurata.

Nella classifica dei certificati ai confini della realtà, entra di diritto anche quello di un pizzardone alle prese con l’alopecia. Una calvizie incipiente e di recente scoperta. Per questo da bloccare sul nascere. Così l’agente della polizia locale si è fatto firmare un certificato che mette in guardia il corpo e lo diffida dal costringerlo a indossare elmetti, berretti e copricapi di ogni sorta. Inclusi ovviamente quelli previsti dalla divisa. Non chiamatelo casco bianco.

Spunta, poi, un terzo agente. E capita che non possa impugnare nemmeno una penna. Figurarsi una pistola. Oppure una più rassicurante paletta. Il soggetto in questione è in possesso di un certificato che brilla per originalità. La psoriasi diagnosticata dal medico di turno è una brutta patologia. Una noia che non permette al vigile urbano di firmare verbali. […] Il pizzardone ha le mani squamate, deve tenersi alla larga dal blocchetto delle contravvenzioni. […]

Un caso a parte è quello dello scettico della pandemia. No ai vaccini. No anche alla mascherina Ffp2. Sì solo e soltanto all’arma di ordinanza. Sospeso dal corpo per non essersi inoculato le dosi anti-Covid necessarie a tenersi stretta la divisa, un pizzardone ha deciso di accettare il provvedimento del corpo. Ma senza riconsegnare la pistola al comando. […]









ARTICOLI CORRELATI 19:33I VIGILI URBANI DI ROMA STANNO QUASI TUTTI MALE: SU SEIMILA, QUASI MILLE SONO ’INIDONEI’ AL SERVIZIO