Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 26 Sabato calendario


Miss Italia non è all’altezza della Rai

Le miss, alla fine, resteranno in esilio. Niente da fare per il concorso di bellezza più famoso del Paese, Miss Italia, previsto di ritorno in Rai durante le feste di Natale dopo due anni di bando dal piccolo schermo. Ma la notizia, che circolava da un paio di mesi, è stata smentita ieri dalla stessa organizzatrice della manifestazione, Patrizia Mirigliani: «Avevamo in progetto di fare la finale di Miss Italia all’interno di un contenitore tv per famiglie anche se non su Rai1 (l’ipotesi che circolava era Rai2, ndr) e sarebbe stata anche una buona occasione per la Rai – ha detto intervenendo all’iniziativa La cultura che sconfigge la violenza con il ministro Gennaro Sangiuliano – un programma tra l’altro a costo zero, quindi senza utilizzare i soldi del canone».
LA DECISIONE
Il contenitore prescelto per la manifestazione, che a settembre ha visto sfilare le prefinaliste a Fano, poco dopo l’alluvione che ha travolto le Marche, doveva essere I Fatti Vostri, ma «la possibilità è stata negata perché i valori del concorso non sarebbero più in linea con i valori di oggi – ha detto Mirigliani – peccato che solo l’Italia abbia questo preconcetto, che è segno di ignoranza. Tante nostre ragazze sono impegnate oggi nel mondo della tv e della Rai, oltre che nel cinema, nel teatro, nella moda, nel giornalismo e nella politica». L’ultima volta Miss Italia era arrivata in tv nel 2019, per l’80esimo anniversario della manifestazione, con la conduzione di Alessandro Greco. Poi, dopo lo streaming imposto dal lockdown, nel 2021 il programma era approdato sulla piattaforma Helbiz Live: vinse Zeudi Di Palma, con Elettra Lamborghini sul palco con Alessandro Di Sarno a premiare. Da allora, l’esilio.
La decisione di bandire Miss Italia dalla Rai, però, non è piaciuta al presidente della Commissione Cultura della Camera, il deputato FdI Federico Mollicone: «L’esclusione dalla programmazione Rai di Miss Italia colpisce uno spettacolo nazionalpopolare che tutti vediamo nelle nostre case – ha detto all’agenzia Adnkronos – la mia solidarietà a Patrizia Mirigliani, organizzatrice della competizione che da sempre ha come punti cardinali la valorizzazione della bellezza e del talento italiani». Quanto al programma che andrebbe a sostituire il concorso di bellezza, Mollicone ha accennato a «uno spettacolo sperimentale, che sarebbe possibile inserire in una differente fascia oraria. Assurdo preferirlo a una manifestazione storica simbolicamente rilevante». L’ipotesi è che si tratti del programma di Cristiano Malgioglio, Mi casa es tu casa, la cui collocazione. – originariamente su Rai3 – sarebbe ora prevista sul secondo canale.
LE ARTISTE
«Da Miss Italia vengono alcune delle migliori artiste del cinema e dello spettacolo che fanno grande la nostra Nazione: penso a Martina Colombari, Cristina Chiabotto, Miriam Leone, Caterina Balivo – ha detto Mollicone – Una manifestazione che ha visto transitare anche l’attuale direttore del Tg1 Monica Maggioni. In attesa della formazione della commissione di Vigilanza Rai, presenterò un’interrogazione affinché il governo si attivi nei confronti dell’ad Fuortes, chiedendo chiarezza sull’esclusione di questa storica manifestazione che incarna bellezza, talento e italianità».