Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 26 Sabato calendario


Le autopsie delle prostitute di Prati svelano l’orrore

Il loro corpo trafitto dalla lama in più punti, con il killer che colpiva ripetutamente. Giandavide De Pau ha inferto decine di coltellate alle tre donne che ha ucciso, colpite in varie parti, tra cui il collo, la schiena e la testa. Dalle tre distinte autopsie emerge in tutto il suo orrore l’accanimento dell’ex autista del boss di camorra Michele Senese sulle sue vittime la mattina del 17 novembre scorso a Roma. E quei femminicidi, secondo quanto tentano di dimostrare gli inquirenti, potrebbero essere stati pianificati.
Restano ancora diversi punti da chiarire sul triplice omicidio di prostitute avvenuto nell’arco di circa un’ora in due appartamenti di Prati, a due passi da piazzale Clodio, così come resta da accertare se l’arma usata sia la stessa. Molti aspetti portano a supporre che l’azione di morte del 51enne sia stata per certi versi premeditata. A consolidare questa ipotesi ci sono i video trovati sul suo cellulare che raccontano dei primi due omicidi, che potrebbero anche far ipotizzare l’intenzione, da parte del killer, di rivendere quelle immagini su canali illegali come il dark web.
Le tante testimonianze raccolte nelle ore successive ai fatti ma anche altri tasselli portano comunque alla pista della premeditazione: le foto delle telecamere di sicurezza allegate all’ordinanza di custodia cautelare emessa giovedì dal gip, mostrano De Pau completamente travisato prima di entrare in via Riboty, teatro del primo duplice omicidio. Una “uniforme” scelta dall’uomo forse per non farsi riconoscere e non essere identificato, con De Pau che entra in un bar di fronte al palazzo della via a poca distanza dal tribunale, con la mascherina, cappuccio calato e tuta. Le indagini potrebbero però allargarsi ulteriormente, soprattutto dopo la comparazione del dna di De Pau con i reperti di altre scene del crimine di omicidi passati. È per questo che gli inquirenti stanno indagando su tre cold case.