Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 26 Sabato calendario


Zelensky proporne un tetto al petrolio russo di 30 dollari al barile

La richiesta del presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, è che il tetto al petrolio russo sia di 30 dollari al barile. “La dipendenza del continente Europa dalle risorse energetiche russe ha iniziato a diminuire. E deve scomparire del tutto”, ha detto eiri. Ha poi avuto un confronto con la presidente della commissione Ue, Ursula von der Leyen: “Il tetto al prezzo massimo per il petrolio russo dovrebbe essere efficace” ha ribadito tra vari ringraziamenti.
La cifra proposta arriva dopo una giornata di discussioni dei diplomatici Ue attorno a un livello pari a più del doppio, circa 65 dollari, che ha fatto arenare le discussioni. A inizio mese, un barile di greggio russo degli Urali costava poco più di 70 dollari, circa 24 dollari in meno del Brent, il benchmark internazionale. Polonia e Paesi baltici, che considerano la cifra troppo simile agli attuali prezzi di mercato, si oppongono mentre Grecia, Cipro e Malta – leader nei trasporti marittimi – hanno fatto pressioni per un tetto più alto o qualche forma di compensazione.
I Paesi devono raggiungere un accordo prima del 5 dicembre, quando entrerà in vigore l’embargo europeo sul greggio russo che viaggia via mare e che per l’Italia avrà un grosso impatto visto che alla raffineria Lukoil di Priolo rischiano migliaia di lavoratori. Il pacchetto di sanzioni Ue prevede infatti il divieto di fornire assicurazioni e altri servizi alle navi che lo trasportano e questo renderebbe più difficile per Cina e India continuare a importare o comunque proverebbe a limitarne il prezzo. La maggior parte degli assicuratori che coprono il trasporto del greggio ha infatti sede in Europa o nel Regno Unito.