Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 26 Sabato calendario


Meloni tiene le deleghe per sé

La scelta di Meloni di concentrare su ministri e sottosegretari di Fratelli d’Italia le deleghe di governo più importanti e i dossier più spinosi segnala da parte della premier un cambiamento di strategia. Dopo aver mostrato una generosità inattesa nella distribuzione di collegi sicuri o quasi all’atto della costruzione della coalizione e delle candidature, la presidente del Consiglio, giorno dopo giorno, sta edificando dentro e attorno a Palazzo Chigi una specie di fortino, per difendersi quando le tensioni, al momento sommerse, nella maggioranza cominceranno a emergere.Ecco dunque, dopo la nomina nei ministeri e nei posti chiave di uomini e donne del suo partito e della cerchia ristretta delle persone a lei più vicine, dai ministri Lollobrigida all’Agricoltura, Crosetto alla Difesa e Fitto gli Affari europei e al Pnrr, ai sottosegretari Mantovano (presidenza del Consiglio e servizi segreti) e Fazzolari (attuazione del programma), la ragione per cui Meloni ha avocato a sè la questione delle deleghe, che sta valutando una ad una, con particolare attenzione al potenziale pericolo di scontro sociale, nella fucina di un autunno che già s’annuncia caldo e affollato di manifestazioni di piazza dell’opposizione e dei sindacati. Tre esempi chiari: Urso, ministro delle politiche industriali, manterrà il controllo delle telecomunicazioni, delega nevralgica per Forza Italia e per Berlusconi, cui dovrà rinunciare; la complessa questione della rete unica sarà affidata a Butti, altro sottosegretario FdI alla presidenza; e i balneari, categoria a rischio esplosione, passeranno dalla ministra del Turismo Santanché a quello del Sud Musumeci. Su questi temi Meloni non vuole sorprese.Non era andata così a luglio. Lo stato dei rapporti interni della coalizione, collocata per due terzi al governo e un terzo all’opposizione, non era ideale. Meloni sapeva di dover svolgere il ruolo di traino dei due alleati fiaccati dall’appoggio a Draghi. Accettando di riconoscere a Salvini percentuali di seggi basate su sondaggi generosi, poi smentite dai risultati del 25 settembre, aveva accontentato l’alleato più riottoso, premiandolo con un centinaio di eletti. E un occhio di riguardo c’era stato anche per il Cav. Ma ora la musica è cambiata.