Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 26 Sabato calendario


Alberto Michelini parla della moglie di Soumahoro, Murekatete

roma Alberto Michelini, come mai Liliane Murekatete, moglie di Soumahoro, lavorò con lei a Palazzo Chigi durante il governo Berlusconi?
«Ero rappresentante del presidente del Consiglio al G8 dell’Africa. A un incontro organizzato da Laura Boldrini, allora all’Unhcr, lei tenne un discorso molto bello. E la mia assistente disse: “Perché non la prendiamo?”».
E lei?
«La convocai. Mi raccontò che era fuggita dal Ruanda al tempo della guerra con i Tutsi, lei era Hutu. Disse che sua madre era un’insegnante e suo padre medico, studiava dai salesiani, parlava perfettamente italiano ed era intelligente, ci colpì e la prendemmo».
A fare cosa?
«Veniva con noi agli incontri con le delegazioni africane. Era una buona presentazione avere nel nostro staff una persona africana. E lei era molto brava nelle relazioni. Ed era di buona famiglia».
Buona famiglia?
«Un giorno incontrammo il primo ministro del Ruanda e lei me lo presentò come suo zio».
Era la nipote del premier?
«Così mi disse. E vidi che si salutavano in modo affettuoso».
Da allora?
«Ha lavorato con noi 3 anni e poi non l’ho più vista».
Era già super griffata?
«No. Vestiva con tailleur sobri. Era capace. Poi dipende come usi la tua intelligenza. Ed evidentemente c’è stata un’evoluzione. Sono sconcertato».