Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  novembre 23 Mercoledì calendario


Lingue regionali (a conoscerle tutte)

«Balotina, galineta, groleta, santa lussia, violeta dea madona, orbesola, avemaria, oliveta, roseta, ola, boarina, cocheta...» Domanda: in quale lingua dovrebbe essere insegnata la Lingua Veneta nelle scuole se nella sola provincia di Verona la coccinella è chiamata in un sacco di varianti? In quella di San Giovanni Lupatoto? «Violeta». In quella di Zevio, a otto chilometri? «Grola». E gli insegnanti madrelingua? Un’aspirante maestra nata a Bardolino dove la coccinella è chiamata «maestrina» può essere assunta per i bimbi di San Giovanni Ilarione (lì è una «grola») o potrebbe deviare gli scolaretti? Come uscirne se lo stesso autore del libro «Noi Veneti» (voluto, stampato e distribuito vent’anni fa nelle scuole dall’Assessorato Regionale all’Identità veneta) e cioè il professor Manlio Cortelazzo, linguista e accademico padovano, per anni decano degli etimologisti e dei dialettologi italiani segnalava la difficoltà di definire su un solo insetto e una sola provincia quale sia «La» lingua veneta? Quali dizionari userebbero questi insegnanti? E da chi sarebbero selezionati? Da qualche assessore locale che parla nel diffusissimo «italian poenta e osei» tipo «vieni anche te»? Sarebbe interessante se il sottosegretario leghista per le Imprese e il made in Italy Massimo Bitonci e i 17 leghisti autori della proposta di legge che vuole «consentire e promuovere l’insegnamento delle lingue e culture regionali nell’ambito dei programmi ufficiali, dalla scuola materna fino all’università» spiegassero meglio i dettagli della loro ideona, valida peraltro per tutti dialetti e le lingue italiani. Dovessero chiedere una consulenza, però, dovrebbero evitare di chiedere ai leghisti milanesi incluso Salvini. Per le Comunali a Milano del 2011 lo slogan scelto per appoggiare Letizia Moratti fu: «Per ona Milàn semper pussee bèlla de viv». Traduzione presunta dei somari: «Per una Milano sempre più bella da vivere». Strafalcione indimenticabile: Milano, come dimostrò un diluvio di citazioni raccolte dal linguista della Bicocca Vermondo Brugnatelli (dal Vocabolario milanese-italiano di Francesco Cherubini del 1841 a Gianni Brera, dallo «scapigliato» Carlo Righetti al grande Carlo Porta) è in milanese assolutamente maschile. Lo dice perfino il canto rivolto alla Madunina: «Lassa pur ch’el mond el disa (ma Milan l’è on gran Milan)».