Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 17 Mercoledì calendario


Automobili, oggi il cabriolet non va più

L’auto senza tettuccio fisso non si usa praticamente più, se non come spider – o, ancora più elegantemente, roadster - a due posti. L’epoca d’oro delle convertible all’americana - grandi, ingombranti, delle «barche» - risale agli anni sessanta del secolo scorso quando ancora faceva «fine» farsi vedere in automobile, e comunque il successo di questi modelli in Italia è sempre stato limitato.

Ora, l’attrattiva per un genere di automobile facilmente accessibile a chiunque possieda un coltello è certamente a un punto basso. È inoltre abitudine comune di questi tempi cospargersi di creme prima di rischiare l’eccessiva esposizione al sole - oltre al fatto che, per certi versi, è «sconsigliabile» attirare troppo l’attenzione sulla strada.

Una volta invece, richiamare gli sguardi invidiosi degli altri era lo scopo fondamentale della decappottabile, come si intuisce dagli «esperimenti» condotti all’epoca dal Design Center della General Motors. Il tettuccio «a pois» - montato sulla Buick Electra del 1961 che si vede sopra - non è mai stato commercializzato.