Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 17 Mercoledì calendario


Periscopio

Informo tutti i buoni musulmani del mondo che l’autore dei Versi satanici, un testo contro la religione islamica, contro il profeta dell’Islam e contro il Corano, è condannato a morte insieme a chiunque abbia consapevolmente preso parte alla pubblicazione del suo libro. Ruhollah Khomeini (14 febbraio 1989).

Roald Dahl [autore dei Gremlins e della Fabbrica di cioccolato] dichiara alla stampa che «Salman Rushdie è un pericoloso opportunista». Un paio di giorni prima, l’arcivescovo di Canterbury Robert Runcie aveva detto che «capiva i sentimenti dei musulmani». Presto anche il Papa, il rabbino inglese e il cardinale di New York avrebbero dichiarato di comprendere lo stato d’animo dei seguaci d’Allah, mentre l’ex cantante pop Cat Stevens, convertitosi all’Islam, si presentò davanti alle telecamere dichiarando che sarebbe stato disposto a telefonare agli squadroni della morte, se solo avesse saputo dove si trovava il blasfemo. Salman Rushdie, Joseph Anton. Un memoir.



Rinchiuso nel carcere locale, il giovane attentatore [che venerdì ha colpito Rushdie con quattro coltellate al collo e tre all’addome] è accusato di tentato omicidio di secondo grado. Ancora [non si sa] nulla del movente. Ansa (14 agosto 2022).

Che si sia ribellato al riscaldamento globale, al calo del potere d’acquisto o al divieto di annaffiare i vasi di fiori a causa dell’ondata di caldo? charliehebdo.fr (12 agosto 2022).

Dire che il leninismo è la fede d’una minoranza di fanatici che perseguitano e che fanno proseliti significa dire, né più né meno, che è una religione, e non solo un partito, e che Lenin è un Maometto, e non un Bismarck. J.M. Keynes, Breve sguardo alla Russia d’oggi.

[Mariupol, aprile]. Appena arrivate, le milizie cecene piantano le bandiere rosse e verdi con al centro il volto di Ramzan Kadyrov, loro leader. Su molti palazzi sventolano bandiere russe. Decine di uomini in divisa militare, kalashnikov tra le mani e caricatori appesi ai giubbetti antiproiettili, controllano il territorio. «Ahmad Sila Allahu Akbar» è il motto con cui si viene salutati. Luca Steinmann, la Repubblica.


Si va al fronte in ciabatte, su vecchie auto che arrancano in convogli zingareschi, in testa uno scuolabus giallo con la bandiera, dietro Mercedes anni Settanta, Ford Fiesta, pullman da turismo, e una cosa minuscola che sembra una 126 con dentro 4 soldati, 4 Kalashnikov e un cane. Lada stracariche, sopra ci sono i tappetini da campeggio e le trapunte legate come salami. Si va incrociando le carovane di chi lascia invece il Donbass, i bambini stremati dal caldo, sul tetto un materasso, due biciclette, il bidone dell’acqua e quello della benzina, perché da qui a Dnipro la strada è lunga e le case sbarrate, chiusi i distributori e i pochi negozi. Brunella Giovara, la Repubblica.

[22 luglio]. Il cacciatorpediniere russo Admiral Tribuc si è avvicinato alle coste italiane superando il canale di Otranto al largo della Puglia per piazzarsi davanti delle coste abruzzesi. Al seguito c’era l’incrociatore Varyag, una delle navi più importanti della marina russa, che si è posizionato al largo del Salento per sbarrare l’accesso all’Adriatico. today.it.


Conte e Forza Italia hanno mostrato una certa ritrosia verso la nostra proposta di una commissione di inchiesta sui legami tra la Russia e la politica italiana. Luigi Di Maio (Monica Guerzoni, CorSera).

[Siamo] un Paese che dialoga con i Paesi dell’est. Restiamo nella Nato e alleati degli Stati Uniti, ma portiamo avanti anche il dialogo con […] la Russia. Questo governo [il Conte 1] non sarà mai supino alle volontà di governi stranieri. Luigi Di Maio, 17 giugno 2018 (ilfattoquotidiano.it).

Nel giallo sulle ragioni del blitz nella tenuta di Donald Trump in Florida da parte dell’Fbi prende corpo un’ipotesi legata alle armi nucleari. Secondo il Washington Post, i federali cercavano documenti top secret sulle armi atomiche. Il timore è che potessero finire in mani sbagliate. È la prova della profonda preoccupazione per il tipo di informazioni in possesso dell’ex presidente. Giulia Belardelli, HuffPost.


Lee Zeldin, candidato repubblicano alla poltrona di governatore di New York, è stato aggredito con un oggetto contundente. A Seattle un uomo armato è stato arrestato davanti alla casa della deputata democratica Pramiia Jayapal. È stato sventato un complotto per uccidere il giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh. […] A Capitol Hill, nella notte fra sabato e domenica, un uomo si è suicidato dopo aver schiantato la sua auto contro le barriere: il mezzo si è incendiato e lui ha sparato colpi in aria, poi ha rivolto l’arma contro di sé. Anna Lombardi, la Repubblica.

Silvio Berlusconi. Sic transit gloria mundi, prima stava tra Bush e Putin, oggi tra Fascina e Ronzulli. Luigi Bisignani, Affari italiani.

Gina Lollobrigida si candida con Italia Sovrana e Popolare. Tra i leader ci sono Marco Rizzo e Antonio Ingroia. Adriana Logroscino, CorSera.

Parlamentarie M5S. Dal fratello di Buffagni al compagno di Dadone, tra i candidati diversi «parenti d’arte». Titolo di HuffPost.

Piero Angela, scomparso a 93 anni, è sempre stato persuaso che la cultura scientifica, quella che discende dagli illuministi, fosse implicitamente superiore a ogni altro tipo di conoscenza, perché non condizionata da ideologie e credulità. Per questo aveva fondato il Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze): un’associazione che promuove un’indagine critica nei confronti del paranormale, dei misteri e dell’insolito con l’obiettivo di diffondere la mentalità scientifica. Aldo Grasso, CorSera.

Studio choc: alterazioni nel sangue dei vaccinati. Titolo della Verità.

Il moralista, pescando nel torbido e insinuando sospetti, chiede chiarezza e invoca pulizia. Roberto Gervaso.