Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 05 Venerdì calendario


LIBERATE IL MERLO MASCHIO! L’APPELLO DEL MEDICO DI LANDO BUZZANCA - "È IN UNA RSA, E’ SCHELETRICO E VUOLE TORNARE A CASA" - PER LA SUA COMPAGNA SI TROVA LÌ, “SEGREGATO CONTRO LA SUA VOLONTÀ” – L’ATTORE AVREBBE PERSO 30 CHILI: “LO STANNO AMMAZZANDO. ORMAI È AFASICO, DISPERATO. LANDO VUOLE USCIRE DA LÌ, SENNÒ MUORE!” – LA GUERRA TRA LA COMPAGNA E UNO DEI FIGLI CHE ACCUSA LA DONNA DI…

OGGIX
Lando libero! Lando Libero! Salvate il soldato Lando! Alla fine sta coronando quello che lei stessa definisce un sogno d’amore. Batti e ribatti, sopporta e sopporta, abbozza e abbozza, Francesca Della Valle (alias di Francesca Lavacca), laureata in filosofia, polivalente personaggio massmediatico, giornalista, organizzatrice di convegni medici internazionali, sceneggiatrice, autrice di programmi tv, è riuscita a focalizzare l’attenzione dei media sulla situazione del suo fidanzato, l’italianissimo attore Lando Buzzanca, 86 anni, a cui è legata dal 2016.

Buzzanca si trova dal 27 dicembre 2021 in una Rsa, una residenza sanitaria per anziani, a volte una prigione da cui è impossibile uscire. Come sembra accadere proprio nel caso dell’attore. La sua "liberazione" è oramai diventata la missione della compagna, che da almeno sette mesi combatte per far «uscire Lando da una struttura dove è praticamente detenuto, segregato, contro la sua volontà. E dove hanno mi hanno impedito in ogni modo perfino di parlare da sola con lui. Lando sta male! Non può restare lì. Deve tornare a casa, deve curarsi assistito dal suo medico e da chi gli vuole bene».

Ed è proprio Fulvio Tomaselli, luminare e medico di fiducia dell’attore siciliano a scrivere un post su Facebook che si conclude così, lasciando poco spazio a discussioni e a interpretazioni : «Cosa aspettate? Salvatemi!». Il messaggio social del medico è lungo e propone un excursus sull’intera vicenda: «Con poteri paranormali, Lando mi invia... Il 27 dicembre, su induzione di un avvocato mio amministratore di sostegno, mi hanno ricoverato presso una clinica romana, dove sono stato sottoposto a un regime dietetico, farmacologico e di attività fisica. La dieta consisteva in cibo scadente...

Ho perso 30 chili... Mi hanno tranquillizzato molto! Dovevo stare tranquillo... Purtroppo ho perso anche massa magra, per cui ora sono cachettico, ossia scheletrico, senza muscoli perché l’attività fisica è stata abolita e non mi reggo in pedi... Ora dovrei curarmi... ma potrei essere al capolinea e quindi... perché amputare, casca da solo. Salvatemi, per favore. Vostro Lando!».

Insomma, il protagonista di pellicole che hanno fatto ridere e sognare gli italiani per almeno due decenni, è davvero in bruttissime condizioni.

Responsabile principale di questa situazione - che vede coinvolti diversi livelli affettivi, in cui si sono trovati l’un contro l’altro armati di carte bollate e sentimenti contrapposti la compagna e Massimiliano Buzzanca, 59 anni, uno dei due figli (l’altro si chiama Mario) del popolare Merlo maschio- la responsabile principale, dicevamo, è la legge 6/04, ufficio dell’amministrazione di sostegno.

Un provvedimento legislativo che starebbe alimentando vicende di palese ingiustizia, quando non si sfoci addirittura nella truffa, ai danni di persone anziane fragili, sole e magari circondate da parenti in malafede. In un corto circuito che per certi versi ricorda le brutture alla Bibbiano, in cui, a volte, assistenti sociali, avvocati senza scrupoli e Ctu compiacenti si impossessano degli averi del "vecchietto" o della "vecchietta" turlupinati e, magari, spediti in una Rsa. Non è sicuramente il caso di Buzzanca, però le conseguenze applicative della legge in questione stanno facendo del male a tante persone deboli.

Al punto che la compagna e il medico di Buzzanca, un mese fa, hanno costituito una associazione dedicata al sostegno di queste deboli vittime. Si chiama Labirinto 14 luglio. Associazione di Promozione Sociale, per la Tutela e i Diritti delle Persone fragili. Con buona pace, probabilmente, di chi aveva dipinto Francesca Della Valle come una donna a caccia del patrimonio dell’anziano compagno. Tutto è possibile, certo. Ma quali sarebbero, poi, questi celebrati possedimenti dell’attore?

A Libero ne risulta sostanzialmente uno: la bella casa romana vicino a Ponte Milvio, un po’ "antica", piena di ricordi, che racconta una grande storia passata. Ma che, nella sua abbondante metratura, oggi appare un pochino fané. Nonostante fosse stata scelta come location per una serie tv che si stava cominciando a girare. E che, non a caso, si intitola Casa Buzzanca. Francesca Della Valle ha poco da dire su questo aspetto e sulla presunta guerra con Massimiliano Buzzanca. E, senza mezzi termini, esclama parlando con Libero: «In questo momento di disperazione a me interessa solo salvare Lando, prigioniero di una legge con cui lo stanno ammazzando. Bisogna portarlo via da dove si trova. Lando vuole uscire da lì, ormai è afasico, disperato. Ma è lucido e vuole tornare alla vita. Sennò muore!».