Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  agosto 05 Venerdì calendario


Il divorzio Neri-Amendola, e le altre coppie che si sciolgono d’estate

OGGIX
Il demiurgo della Nutella, il venerabile Michele Ferrero, odiava l’estate perché gli squagliava i cioccolatini. E William Faulkner scrisse inLuce d’agosto che quel mese sta in equilibrio sull’abisso. Il fatto è che l’estate 2022 sta squagliando anche un bel po’ d’amori che parevano farciti da anni d’intesa, glassati da inossidabili complicità, esperienze comuni, solidità e figli. Coppie evaporate in una nuvola rossa.Premesso che la galassia dell’amore, del sesso, delle corna, dell’abbandono e del ritorno di fiamma (incendiario, spesso, come l’alcol sull’incauto barbecue) appartiene all’universo dei cavoli loro, è indiscutibile che la popolarità clamorosa e non di rado sentimentalmente didascalica di alcune di queste coppie sia, di per sé, una notizia. Che poi il mondo del calcio rappresenti, da sempre, il set del kolossal non può essere casuale.Ancora non ci siamo ripresi dalla fine di Tottilary, binomio perfetto (ma era un calesse) di autoironia, passione, complicità, palco e retropalco, ed ecco che Wanda Nara e Maurito Icardi tornano sui loro passi e forse si mollano per sempre: lo ha detto lei a una collaboratrice domestica, tale Carmen, con uno di quei vocali che andrebbero inceneriti ancor prima dell’invio (questo è arrivato addirittura ad un programma tv): «Sono venuta in Argentina per organizzare il divorzio, non ne posso più».Le sale dei parrucchieri vivono giorni che non si conoscevano da molto tempo, anche se già nel glorioso 1960 Bruno Martino cantava di odiare l’estate (“Sei calda come i baci che ho perdutooo/sei piena di un amore che è passatooo/che il cuore mio vorrebbe cancellar...” ). E se Wanda e Mauro preparano un nuovo, doppio abbandono (lei è anche l’agente di lui, e si sa che l’agente dà buoni consigli se non può più dare il cattivo esempio), Francesco e Ilary si sono dati il cambio nella villa di Sabaudia dove ora è lui a fare il papà single. Silenzio di tomba e di coppia dopo quei “comunicati disgiunti”: per vederli in azione bisogna aspettare le pubblicità dove lui mangia il gelato e lei centrifuga i panni parlando al telefono con un lui che pare proprio Lui (con riferimenti calcistici ai tempi supplementari): la sceneggiatura di uno spot non potrà mai tenere il passo della vita vera.Bizzarro come stadi e campi di calcio siano il non luogo di questi temporali che frantumano storie che duravano da lustri. Wanda, Mauro, Ilary, Francesco ma anche Gerard Piqué e Shakira che stavano insieme dai giorni del “Wakawaka”, sigla del mondiale sudafricano del 2010, quello delle micidiali vuvuzelas, dell’Italia mandata a casa al primo turno (ma almeno allora ci si arrivava) e dell’incontro tra la bella showgirl e l’aitante difensore. Dodici anni e due figli piùtardi, ecco che i due litigano platealmente in strada dopo che lei avrebbe fatto pedinare lui da un investigatore privato perché lui faceva il waka waka, e probabilmente anche il tuca tuca, con una lei che però non era mica lei. Dicono lecronache in attesa di shampoo e piega che Piqué facesse così da molto tempo, e che alla fine mandasse messaggini a una cameriera ventenne di Barcellona chiamandola “la mia first lady”: una trasgressione anche dialettica cheBill Clinton se la sognava.L’utima coppia a essersi probabilmente sfarinata in queste settimane, ma qui c’è davvero poco da scherzare, sarebbe quella di Claudio Amendola e Francesca Neri, attori e non “calciattori”, simboli viventi di robustezza coniugale in un mondo non proprio dedito alla stabilità dei sentimenti: 25 anni di convivenza e 12 di matrimonio, stagioni intense e non facili, come del resto quelle di chiunque, attraversate anche da malattie vissute e superate insieme. Adesso, però, sembra che pure loro passino la mano in questa estate che incenerisce boschi e cuori.Dicono le statistiche degli psicoterapeuti che proprio i mesi più torridi sono quelli che portano, poi, alla necessità di cure. L’estate fa male, e pure il Natale. Cioè il tempo in cui in teoria si avrebbe più tempo: anche per guardarsi dentro, per rovistare in quel misterioso armadio che è la coppia e, nel caso, scoprire un disordine irrimediabile.Poveri amori al sole, poveri amori soli, poveri cioccolatini spiaccicati. Poi, certamente, d’estate le corna delle coppie pop si vedono di più, esposte come sono agli sguardi e alle tentazioni: è anche il poderoso ritorno dei paparazzi, con la folle centrifuga dei social. Chissà come l’avrebbe raccontata Fellini.