Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  maggio 14 Sabato calendario


“XI JINPING SOFFRE DI UN ANEURISMA CEREBRALE MORTALE” – L’AGENZIA DI STAMPA ANI SGANCIA LA BOMBA SULLO STATO DI SALUTE DEL 68ENNE AGGIUNGENDO CHE IL PRESIDENTE CINESE DI RIFIUTA DI ESSERE CURATO CON UN INTERVENTO CHIRURGICO – LE INDISCREZIONI ALIMENTANO I TIMORI DI UN COLPO DI STATO DOPO LE MISURE ESTREME ANTI-COVID IMPOSTE DAL DITTATORE: SECONDO GLI ESPERTI XI POTREBBE ESSERE ESTROMESSO DA RIVALI STUFI DEL REGIME ENTRO I PROSSIMI 18 MESI… -

Il presidente cinese Xi Jinping «soffre di un aneurisma cerebrale mortale». L'indiscrezione arriva dall'agenzia di stampa Ani, secondo cui sarebbe malato dalla fine del 2021. Il 68enne però rifiuterebbe di essere curato con un intervento chirurgico. Le voci sullo stato di salute di Xi girano da anni, con nuove speculazioni innescate dalla sua inspiegabile assenza dalle Olimpiadi invernali di Pechino. Nel marzo 2019, durante una visita in Italia e Francia, Xi è stato visto zoppicare e aveva avuto bisogno di aiuto mentre cercava di sedersi. E rivolgendosi al pubblico a Shenzhen nell'ottobre 2020 - al culmine della pandemia di Covid - gli osservatori hanno notato il suo linguaggio lento e la sua tosse.

I timori di un colpo di stato Intanto sono aumentati i timori di un colpo di stato dopo le misure estreme di blocco del Covid di Xi. Invece di convivere con il virus, la risposta del regime totalitario alla pandemia aveva come obiettivo quello di avere zero casi con confini chiusi, test di massa e quarantene radicali. La strategia brutale della Cina vede restrizioni estreme imposte a paesi e città con solo una manciata di infezioni, con interi edifici sigillati anche se è stato registrato un solo caso.

Allo stesso tempo, il premier Li Keqiang ha lanciato l'allarme sulla situazione occupazionale «complicata e grave» della Cina causata dalle misure di blocco. E per questo i messaggi contrastanti dei capi di governo cinesi hanno sollevato dubbi sul fatto che ci sia una spaccatura in arrivo ai vertici poiché i punti interrogativi incombono su quanto sia sostenibile la strategia della linea dura di Xi. Richard McGregor, autore di "The Party: The Secret World of China's Communist Rulers", ha dichiarato: «Probabilmente è esagerato dire che Xi e Li sono personalmente ai ferri corti, ma le loro dichiarazioni rappresentano punti di vista divergenti all'interno del sistema su Covid e i suoi impatti.

Gli esperti hanno già affermato che Xi potrebbe essere estromesso da rivali stufi del regime del Paese entro i prossimi 18 mesi. Roger Garside, autore di "China Coup: The Great Leap to Freedom", ha detto che Xi sarà cacciato da oppositori interni al Partito Comunista Cinese in un colpo di stato a Pechino. L'ex diplomatico ritiene che la principale minaccia per Xi proverrà "dai vertici" del Partito Comunista. Ha affermato che la politica cinese zero-Covid potrebbe essere la rovina di Xi poiché la sua strategia esagerata ha «bloccato il paese in isolamento» dal resto del mondo.

Ha affermato che la politica intransigente potrebbe infliggere «costi pesanti» all'economia e alla società cinesi mentre i cittadini sono alle prese con epidemie in rapida diffusione e disoccupazione mentre le imprese sono costrette a chiudere. E al Sun ha detto: «È concepibile che la loro strategia Covid-19 possa implodere su di loro o causare una crisi politica».