Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  maggio 14 Sabato calendario


“PUTIN HA IL CANCRO” - IL GENERALE MAGGIORE KYRYLO BUDANOV, CAPO DEGLI 007 UCRAINI, SGANCIA LA BOMBETTA SULLO STATO DI SALUTE DI “MAD VLAD”: “IN RUSSIA IN CORSO UN COLPO DI STATO CHE NON SI PUÒ PIÙ FERMARE, PUTIN È IN CONDIZIONI PSICOLOGICHE E FISICHE PESSIME, È MOLTO MALATO”. E A CHI LO ACCUSA DI FARE PROPAGANDA RISPONDE STIZZITO: “SONO IL CAPO DELL'INTELLIGENCE, SE NON LE SO IO QUESTE COSE CHI DOVREBBE SAPERLO?” -

Il presidente russo Vladimir Putin è "gravemente malato di cancro". Lo ha sostenuto il capo degli 007 ucraini, il generale maggiore Kyrylo Budanov, in un'intervista a Sky News, senza però fornire alcun dettaglio o prova delle sue affermazioni. "In Russia - ha aggiunto Budanov - è già in corso un golpe per rimuovere Putin".

"Il golpe a Mosca è in corso e nessuno può fermarlo" - Il giovane generale Kyrylo Budanov, 36 anni, è uno dei funzionari più vicini a Zelensky e tra i gestori della tattica militare dell'esercito ucraino. All'emittente Sky News ha concesso un'intervista nella quale parla dell'attuale situazione sul campo di battaglia ma anche di quello che sta succedendo al Cremlino ed è molto fiducioso.

"E' in corso un colpo di Stato che non si può più fermare, Putin è in condizioni psicologiche e fisiche pessime, è molto malato". Budanov parla apertamenti di cancro e altre malattie per il leader russo e preconizza come la sconfitta di Mosca in Ucraina sarà la miccia che porterà alla rimozione di Putin e alla disintegrazione della Russia. Si tratta di un'azione di propaganda da parte di Kiev? Budanov si difende dietro una semplice risposta: "Sono il capo dell'intelligence, se non le so io queste cose chi dovrebbe saperlo?".