Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  maggio 14 Sabato calendario


Furio Colombo interrompe la collaborazione con il Fatto

“A due cari amici come Padellaro e Travaglio comunico che non continuerò la mia collaborazione al Fatto Quotidiano fino a quando ci sarà questa posizione sulla guerra in Ucraina, sul divieto, si presume costituzionale, di mandare armi all’Ucraina e sulla celebrazione di un personaggio di cui non ho stima, che è il professor Orsini. Penso che Orsini sia stato over-celebrato dalla serata che Il Fatto ha organizzato per lui e non voglio apparire in alcun modo lo sponsor di un simile personaggio”. Così Furio Colombo all’AdnKronos: “Travaglio e Padellaro, gentilmente, mi hanno chiesto di non interrompere la collaborazione. Ma, purtroppo, non è possibile, perché è un Fatto Quotidiano che non conosco”. Il direttore Marco Travaglio, contattato dalla stessa AdnKronos, ha chiarito: “Colombo interrompe la collaborazione con noi? Ribadisco: il Fatto è il giornale di Colombo e attendiamo i suoi prossimi commenti come in questi 13 anni. Come ho scritto, la linea del quotidiano non la dà Orsini né Colombo, ma è il frutto di un’opera collettiva, anche se convenzione vuole che la linea la dia il direttore. Spero che quello di Furio sia solo un momento di smarrimento e continui a scrivere per noi”. Travaglio rivendica “la diversità delle opinioni dei collaboratori: su questi temi ciascuno dev’essere libero di dire ciò che ritiene”. Da domani pubblicheremo molte delle centinaia di lettere che abbiamo ricevuto sul tema.