Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  maggio 14 Sabato calendario


Caso camici, Attilio Fontana prosciolto

Uno e trino, nell’infilare alla ruota della giustizia un en-plein assolutorio con pochi precedenti, il presidente leghista della Regione Lombardia, Attilio Fontana, viene ieri prosciolto per i camici forniti alla Regione in emergenza Covid dal cognato imprenditore, dopo essere stato già archiviato per le modalità dello scudo fiscale sull’eredità dei 5,3 milioni illecitamente detenuti in Svizzera dalla madre, e dopo essere stato ancor prima archiviato per la consulenza regionale assegnata a un suo ex socio di studio legale. 
La palla di neve che dall’aprile-maggio 2020 rischiava di rotolare sino a diventare valanga in un eventuale processo per concorso nel reato di «frode in pubbliche forniture» (da 1 a 5 anni) era stata smossa dal duplice scomposto affannarsi della famiglia Fontana per arginare sul nascere l’imbarazzo reputazionale che la montante attenzione giornalistica (da «Report» in poi) sull’iniziale fornitura di camici in emergenza Covid avrebbe potuto arrecare all’immagine pubblica di Fontana. Tutti un agitarsi da un lato per far figurare dal 19 maggio 2020 come «donazione» alla Regione quella che il 16 aprile era partita come «fornitura» a pagamento di 513.000 euro di 75.000 camici e 7.000 set di calzari e cuffie alla Regione dall’azienda «Dama spa» dell’imprenditore Andrea Dini, fratello della moglie di Fontana, Roberta (anche lei detentrice del 10%). E dall’altro lato per tentare nel contempo di ristorare Dini almeno di una quota del danno dovuto all’obbligato passo indietro familiare: in parte consentendogli la Regione di «donare» solo i 50.000 camici sino allora già consegnati e risparmiargli così almeno la consegna degli ulteriori 25.000 pattuiti con la Regione, e in parte cercando invano, Fontana stesso, di bonificare di tasca propria 250.000 euro, pari appunto al mancato introito di Dini per i 50.000 camici volti in donazione più «spintanea» che spontanea. Che per i pm milanesi Paolo Filippini e Carlo Scalas (con il collega Luigi Furno poi passato al Tar) integrava il reato di frode in pubbliche forniture perché la Regione era così rimasta senza una parte di pattuita fornitura su cui faceva affidamento; ragion per cui i pm contestavano a Fontana, difeso da Jacopo Pensa e Federico Papa, di aver concorso ad «anteporre interesse e convenienza personali all’interesse pubblico». 
In attesa delle motivazioni, la formula «il fatto non sussiste» sembra indicare che per la giudice Chiara Valori la decisione di Dini di interrompere le consegne non fosse ammantata da artifizi elusivi, ma esplicita nella mail del 20 maggio alla Regione («magari un errore» da contenzioso civile, aveva convenuto in arringa il suo legale Giuseppe Iannaccone, «ma non un reato di frode»). Tuttavia il fatto che la gup neppure abbia invitato i pm a riqualificare la «frode in pubbliche forniture» (articolo 356) nell’altro reato di «inadempimento di contratti di pubbliche forniture» (articolo 355, sempre doloso ma senza frode), depone per la convinzione che non vi sia stato proprio inadempimento di Dini: probabilmente perché l’interruzione delle consegne, unilateralmente comunicata da Dini al direttore generale della centrale acquisti regionale «Aria spa» (Filippo Bongiovanni) che aveva trattato la fornitura, ha come esaurito quel primo rapporto contrattuale, che dunque non sarebbe stato inadempiuto ma sostituito da una seconda nuova differente intesa, accettata (agli occhi di Dini) sempre da Bongiovanni e mai contestata da alcun altro in Regione. 
Con Fontana sono quindi stati prosciolti anche Dini, Bongiovanni, la manager di «Aria spa» Carmen Schweigl, e il vicario del segretario generale della Regione, Pier Attilio Superti: per tutti un «non luogo a procedere» già in udienza preliminare, che per la Procura di Milano segue il non luogo a procedere per l’aggiotaggio Saipem, le assoluzioni dei processi di corruzione internazionale Eni-Nigeria e Eni/Algeria, l’assoluzione in appello di tutti gli imputati perché il fatto non sussiste nel processo Monte dei Paschi di Siena, l’assoluzione in abbreviato di Fabio Riva dalla bancarotta Ilva, e in precedenza i procedimenti non coronati da condanne nei confronti dell’ex presidente della Regione Roberto Maroni e dell’attuale sindaco di Milano Beppe Sala.