Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  gennaio 22 Sabato calendario


Julinda Llupo e quei 67 mila e 500 euro ricevuti da Berlusconi

Settanta mila euro di generosità. È il nuovo capitolo dell’infinita saga di Silvio Berlusconi e le giovani donne delle quali ha sempre amato circondarsi. Il nome di Julinda Llupo – classe 1987, origini albanesi ma una vita a Roma – è da giorni finito agli “onori” della cronaca. A partire dalla notizia pubblicata dal Domani di una segnalazione per operazioni sospette della Banca d’Italia: gli ispettori hanno segnalato i bonifici, dieci da febbraio a dicembre del 2020, ricevuti da Silvio Berlusconi per un totale di 67 mila e 500 euro. Secondo le causali delle operazioni, si sarebbe trattato di “regali” o “prestiti”. Ma chi è questa ragazza titolare di una società che gestisce alcuni bed&breakfast a Roma? Perché è stata destinataria della “beneficenza” di Silvio? Ad alcune di queste domande ha risposto Barbara Guerra, la showgirl che fu tra le favorite di Berlusconi e oggi imputata a Milano nel processo Ruby ter con l’accusa di corruzione in atti giudiziari (per la Procura avrebbe mentito ai pm che indagavano sulle cene di Arcore ricevendo in cambio l’utilizzo di una casa fuori Milano). Quella che pubblichiamo è ovviamente la sua versione.