Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2022  gennaio 17 Lunedì calendario


Il podcast di coppia che ha stregato gli inglesi

Molto sesso, siamo inglesi. E lo facciamo pure in diretta. Niente paura, scandalo, o tantomeno vergogna. “Simple as that”, è così semplice, come il nome del controverso podcast: “Lacey and Flynn have sex”. I due in realtà non sono inglesi, ma vivono oltremanica da quasi un decennio: lei, Lacey Haynes, 37 anni, è canadese e si definisce “Sex and relationship coach”, oltre a “guaritrice intuitiva” e “visionaria”. Lui, Flynn Talbot, è il 40enne marito australiano, conosciuto a Berlino nel 2012. Insieme sono una forza online, in nome del “sesso elevato”, come lo chiamano loro: il podcast di Lacey e Flynn è già arrivato in 50 Paesi nel mondo, totalizzando quasi 50mila download. «Così abbiamo migliorato il nostro sesso e vogliamo fare lo stesso con i nostri seguaci », dice Haynes. Il Guardian è entrato nell’abitazione della coppia nel Sussex – dove Lacey e Flynn vivono con i due figli istruiti in casa – e praticano e ragionano di sesso in ogni stanza e soprattutto in diretta, discutendo delle gioie del cunnilingus, e poi sex toys, orgasmi, dolori del sesso respinto del partner, problemi come l’eiaculazione precoce e l’Uti (Urinary tract infection), fino al pussy-gazing. Che nel frattempo è diventato anche un workshop online, in cui Haynes insegna alle donne come porre un piccolo specchio tra le gambe e dissipare «ogni sentimento di vergogna nei confronti della propria vagina».
Perché “Lacey and Flynn Have Sex” non è nato come esperimento esibizionista, anzi, i due sconsigliano di guardare porno «perché complica il sesso». Invece, si tratta di una piattaforma per aiutare chi ha difficoltà a «vivere il sesso nella maniera più rilassata e completa possibile », dice la donna. Un traguardo per molti problematico dopo il Covid. Per esempio, come ricorda uno studio del British Medical Journal, nel Regno Unito i cittadini guardano più il sito Pornhub che la Bbc e la maggioranza fa meno sesso di dieci anni fa, sopratutto over 25 e coppie. Lockdown e convivenza forzata storpiano l’alchimia costruita col tempo: negli ultimi due anni il 78% delle coppie ha cambiato abitudini sessuali; il 29% non fa più sesso, il 78% ne vorrebbe di più.
Il progetto, «che ha migliorato anche la nostra relazione» sostengono Lacey e Flynn, non si compone solo del podcast dove i due iniziano a parlare di sesso e poi lo mettono in pratica. Per gli ascoltatori, ci sono anche consulenze private, corsi online, con Lacey che si occupa delle donne e Flynn degli uomini: «All’inizio (aprile 2021) pensavamo di fare sesso prima o dopo il podcast e poi discuterne con gli ascoltatori». Durante una puntata, sono andati oltre, la cosa è piaciuta agli ascoltatori e da allora è sempre stato così. Ma la Love Island di Lacey e Flynn ha attirato anche critiche. Non solo qualche giorno fa la donna ha dichiarato di non essersi vaccinata contro il Covid, ma soprattutto ha difeso un’altra sua scelta, il parto naturale non assistito e senza controllo medico precedente, scatenando le proteste dei lettori del Guardian : «Pericoloso e irresponsabile».