Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 29 Lunedì calendario


Biografia di Almudena Grande

Almudena Grande (1960-2021). Scrittrice spagnola. «La cosa più semplice è legarla per sempre a Le età di Lulù, il romanzo erotico che diventò anche un film, ovviamente scandalo, di Bigas Luna con Francesca Neri e Javier Bardem. Sono passati più di trent’anni. Ma ormai sappiamo che Almudena Grandes era molto di più. Era un’autrice “politica” e “femminista”, come forse non si usa dire più. Sposata con il poeta Luís García Montero, direttore dell’Istituto Cervantes, era un’autrice netta nelle definizioni e nelle affermazioni. Nata a Madrid, figlia e nipote di poeti, scopre la vocazione per la scrittura sin da bambina. L’esordio del 1989 – il romanzo in cui racconta iniziazione e vita sessuale di Lulù – diventa presto un bestseller planetario, immortalato dal cinema. Ma Grandes è autrice prolifica: tra i suoi titoli Ti chiamerò Venerdì, Malena, un nome da tango – anche questo diventato un film diretto da Gerardo Herrero – Atlante di geografia umana, I baci sul pane, tutti tradotti in Italia da Guanda» [Briganti, Rep]. «“Ho dovuto scrivere articoli molto complicati per tutta la mia vita. Nessuno come questo”. Iniziava così, il 10 ottobre scorso sul quotidiano El País, il testo toccante e coraggioso con cui Almudena Grandes aveva reso pubblica la sua malattia. Un cancro, che le era stato diagnosticato poco più di un anno prima, “un cancro – scriveva – che è una malattia come un’altra, certamente un apprendistato, ma mai una maledizione, né una vergogna, né una punizione”. Un cancro che in un sabato di novembre, nella Madrid in cui era nata, l’ha portata via» [Rastelli, CdS].