Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  dicembre 03 Venerdì calendario


E' STATA LA COMBINAZIONE DI HIV E COVID A DARE VITA A OMICRON? - TULIO DE OLIVEIRA, IL VIROLOGO SUDAFRICANO CHE HA INDIVIDUATO LA VARIANTE, RITIENE PROBABILE CHE SI SIA SVILUPPATA IN UN PAZIENTE IMMUNOCOMPROMESSO CON UN'INFEZIONE PROLUNGATA DI CORONAVIRUS - IN AFRICA CI SONO 8 MILIONI DI SIEROPOSITIVI INCONSAPEVOLI O NON TRATTATI, E PER QUESTO IL MEDICO AVEVA AVVISATO CHE IL CONTINENTE RISCHIAVA DI DIVENTARE "UNA FABBRICA DI VARIANTI PER IL MONDO INTERO"... -

Secondo il virologo sudafricano che ha individuato Omicron, la variante, oggi presente in almeno 23 paesi del mondo, è stata probabilmente incubata nel corpo di una persona con un sistema immunitario colpito dall'HIV o da un'altra condizione immuno-compromettente che può causare un'infezione prolungata da coronavirus.

Tulio De Oliveira ha detto che l'insorgenza di Omicron in un paziente incapace di eliminare rapidamente il virus è stata «la storia di origine più plausibile» per la più recente variante di preoccupazione al mondo.

Ci sono buone ragioni per pensarlo.

Ricercatori negli Stati Uniti e in Europa hanno visto insorgere coronavirus con mutazioni spaventose in pazienti COVID-19 le cui difese naturali sono state soppresse da farmaci per combattere il cancro, gestire malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide o impedire il rigetto degli organi trapiantati.

De Oliveira ha avvertito per mesi che le persone con maggiori probabilità di generare tali mutazioni nell'Africa sub-sahariana sono gli 8 milioni affetti da HIV non riconosciuto o mal trattato. In gran parte giovani, non vaccinati e con un sistema immunitario debilitato, queste persone potrebbero «diventare una fabbrica di varianti per il mondo intero», ha detto.

A giugno, il suo team ha raccontato l'emergere di oltre 30 cambiamenti genetici in campioni di SARS-CoV-2 prelevati da una singola donna sudafricana con HIV avanzato non controllato. Le mutazioni che hanno visto, comprese quelle che potrebbero erodere la protezione del vaccino e aumentare la trasmissione della malattia, sono apparse in un periodo di sei mesi.

Ora De Oliveira teme che uno scenario simile possa aver dato vita a Omicron. La scorsa settimana, ha avvisato l'Organizzazione mondiale della sanità che il suo team aveva rilevato una variante con dozzine di nuove mutazioni che circolava nel Gauteng, la provincia più densamente popolata del Sudafrica, e nel vicino Botswana. I campioni studiati dagli scienziati sono stati raccolti tra il 12 e il 20 novembre.

Più di 30 delle mutazioni che hanno visto erano nel codice per la cruciale proteina spike del virus, la chiave che apre il lucchetto alle cellule umane e avvia un'infezione. Molti dei cambiamenti erano familiari a De Oliveira dal suo studio sui pazienti con HIV con infezioni da coronavirus prolungate.

La variante Omicron sembra aver svolto un ruolo chiave nel guidare il drammatico aumento di nuovi casi tra gli studenti, la maggior parte dei quali giovani adulti, presso la Tshwane University of Technology di Gauteng, ha affermato De Oliveira, direttore del Center for Epidemic Response and Innovation dell’Università di Stellenbosch.

La provincia di Gauteng, e Johannesburg, sono l'epicentro dell'epidemia di HIV in Sudafrica. Ospitano circa il 20% dei 7,5 milioni di persone che vivono con l'HIV in Sudafrica.

In tutto il paese, 2,2 milioni di persone sono infette dall'HIV che non viene rilevato, non trattato o scarsamente controllato. Il sistema immunitario di questi pazienti è «piuttosto pesantemente soppresso», ha affermato il dott. Jonathan Li, uno specialista in malattie infettive di Harvard che è stato tra i primi a descrivere nel dettaglio le mutazioni estese del coronavirus in un paziente immunosoppresso. Sotto attacco da parte dell'HIV, le loro cellule T non forniscono il supporto vitale di cui le cellule B del sistema immunitario hanno bisogno per eliminare l'infezione.

«Il gran numero di mutazioni che sono sorte all'improvviso qui ricorda davvero quello che abbiamo visto», ha detto Li. «Se dovessi indovinare, direi che è probabilmente così che è nato Omicron».

Il dottor Bruce Walker, immunologo e direttore fondatore del Ragon Institute di Cambridge, ha messo in guardia contro la stigmatizzazione dei pazienti le cui condizioni possono dare origine a varianti. Ma l'emergere di Omicron da un paziente con infezione prolungata è una buona scommessa, ha detto.

«Sappiamo che in un contesto di grave compromissione immunitaria, il virus può rimanere nel corpo di qualcuno per molto tempo e fare copie di sé stesso più a lungo, commettere errori e sfuggire a ciò che resta del sistema immunitario di un tale paziente», ha detto Walker.

Una nuova variante non porterà alcuna firma rivelatrice di come o dove è nata, ha aggiunto. Ma «statisticamente parlando, ci sono una varietà di cause di soppressione immunitaria. E nell'Africa meridionale, una delle cause principali è l'HIV».

In un saggio pubblicato nell'edizione di giovedì della rivista Nature, De Oliveira e tre colleghi sudafricani hanno avvertito che «l'Africa è stata completamente lasciata indietro», poiché i vaccini, i medicinali e le forniture per i test COVID-19 sono accumulati dai paesi ricchi del mondo. Se quei paesi non riusciranno ad aiutare i paesi africani a controllare sia l'HIV che il COVID-19, hanno scritto gli scienziati, ciò minerà i loro sforzi per estinguere la pandemia in tutto il mondo.

Mentre quasi il 40% della popolazione mondiale è stata completamente vaccinata contro il COVID-19, il tasso per l'Africa è inferiore al 7%, hanno scritto gli scienziati. In Sudafrica, secondo Our World in Data, il 24% della popolazione è stato completamente vaccinato.

A complicare le cose, i saltuari progressi del continente nella protezione dei vaccini hanno spinto i funzionari della sanità pubblica a concentrarsi prima sui pazienti anziani. Il risultato è che praticamente tutti i giovani adulti africani rimangono non vaccinati. E poiché l'80% delle persone con HIV in tutto il continente ha meno di 50 anni, sono stati vaccinati pochissimi pazienti a rischio di contrarre un'infezione prolungata da coronavirus.

In un'intervista di questa settimana, De Oliveira ha affermato che potrebbero esserci altre spiegazioni per l'improvvisa comparsa di una variante con così tante mutazioni.

È possibile che l'Omicron circoli da mesi da qualche altra parte, accumulando costantemente cambiamenti genetici (Era presente nei Paesi Bassi il 19 novembre, quasi una settimana prima dell'annuncio di De Oliveira). Se la variante è maturata in paesi in cui il sequenziamento genetico è raro o assente, potrebbe aver volato sotto il radar fino a quando non è arrivato in Sud Africa, già carica di mutazione.

Walker, che ha definito il rilevamento di Omicron «una prestazione assolutamente di livello mondiale» da parte degli scienziati sudafricani, ha affermato che, da qualunque parte provenga, il mondo non può permettersi di lasciare infuriare la pandemia incontrollata.

«È nella natura del virus mutare», ha detto. «Non è che se non ci fosse l'infezione da HIV, non dovremmo preoccuparci di questo».