Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 29 Lunedì calendario


Il Canada ha finitolo sciroppo d’acero. Scorte a rischio

Per fermare l’aumento del prezzo della benzina il presidente americano Joe Biden ha messo mano alle scorte strategiche di petrolio, rilasciando 50 milioni di barili. Anche il Canada è dovuto ricorrere alle sue scorte strategiche, ma di sciroppo d’acero: dalla federazione arriva il 73% di quello globale, un mercato rallentato quest’anno da un calo della produzione, dovuto a una primavera più breve e calda, e da un contemporaneo aumento dalla domanda, il 36% in 12 mesi, causato dalla pandemia. Il Canada ha così deciso di rilasciare circa 22 mila tonnellate di sciroppo d’acero dalle sue scorte strategiche, la metà del totale. Non è la prima volta che le scorte sono a rischio: nel 2012 furono rubati 9.600 barili, per un valore di 18 milioni di dollari, per lo più ritrovati.