Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 26 Venerdì calendario


La Germania senza mercatini di Natale

La Germania ha il nuovo governo, ma per il passaggio di consegne da Angela Merkel a Olaf Scholz bisognerà attendere ancora qualche giorno. Nel vuoto di potere, si rimandano a misure drastiche per contenere la pandemia. Ieri, come previsto, si sono superati nell’anno i 100mila morti. Il poco ambìto ministero della sanità è stato assegnato ai socialdemocratici, ma non c’è un ministro. Karl Lauterbach, l?esperto del partito, presente da due anni in Tv per discutere del Covid, si tira indietro: certamente avrei le competenze necessarie, ma ci sono altri più competenti di me. Così ogni regione continua a decidere per suo conto (la sanità dipende dai Länder).

PUBBLICITÀ

I Weinachtsmärkte, i mercatini di Natale, aprono tradizionalmente già verso la fine di novembre, ma in Baviera li hanno vietati. Anche a Dresda, in Sassonia, e in Brandeburgo, la regione che circonda Berlino, ma non nella capitale. È scontato che le famiglie che vorranno festeggiare Sankta Klaus, Babbo Natale, verranno in auto o in metro nella metropoli. A Berlino i vaccinati sono il 70%, non abbastanza, nel Brandeburgo meno del 60%. Il pericolo è evidente. Ma almeno non verranno sotto casa mia. I sedici quartieri della metropoli sono indipendenti, come a Parigi, ognuno con il suo sindaco. Il mercatino del castello di Charlottenburg, il più grande, a cinque minuti a piedi, resterà chiuso. Ma sono aperti gli altri, come il mercatino intorno alla Gedächtniskirche, dove avvenne l’attentato il 19 dicembre 2016 (dodici le vittime, tra cui una ragazza italiana, e un centinaio di feriti). I chioschi sono protetti da blocchi di cemento a evitare attentati, ma come proteggersi dal virus? Si dovrebbe controllare all’ingresso il green pass, e i clienti dovrebbero portare la mascherina, impossibile mentre si divorano würstel e frittelle di mele, bevendo vin brulé e birra.

I mercatini di Natale sono un grande affare, che mette a posto i conti di chi vive grazie alle fiere. In tutto i mercatini sono circa tremila dal Baltico alla Baviera. I più belli, dove la tradizione ha resistito almeno in parte agli affari, sono quelli di Lubecca e di Münster al Nord, e Norimberga in Baviera. Nell’ultimo Natale prima dell’epidemia, nel 2019, gli incassi hanno sfiorato i tre miliardi di euro, probabilmente saranno stati quasi il doppio, oltre la metà di quanto si guadagna nelle altre fiere durante l’anno. È difficile anche controllare gli esercenti dei chioschi. Babbo Natale e il Finanzamt, il fisco, chiudono un occhio. Sono migliaia i giovani che lavorano per due o tre settimane nei Weihnachstmärte, per concedersi una vacanza o una nuova bicicletta, e molti vengono pagati a nero.
I visitatori nel 2019 sono stati 159 milioni, quasi il doppio della popolazione (83 milioni, compresi i neonati e gli immigrati). Ognuno ha speso in media 30 euro. I chioschi sono gestiti da famiglie di generazione in generazione, alcuni da più di un secolo. In media ogni esercizio incassa intorno ai 50mila euro. E in totale pagano ogni anno, comprese le altre feste popolari, 338 milioni di euro in tasse ai comuni. E non si calcola l’indotto, almeno intorno a un miliardo e mezzo di euro. I clienti arrivano da lontano, circa otto milioni i turisti stranieri, pernottano in albergo, e fanno shopping. Per i sindaci dei paesi e delle cittadine è una grande perdita.

I politici responsabili sono divisi e indecisi. A Halle, all’est, il mercato di Natale è stato vietato un giorno dopo l’apertura, a Stoccarda e Norimberga alla vigilia. A Friburgo e Hannover sono aperti, ma fino a quando? «Il divieto mi ha sorpreso tre giorni prima dell?inizio», si è lamentato Ulrich Pötschke sulla Süddeutsche Zeitung, «nel mio chiosco da 29 anni vendo le tipiche figurine in legno che si comprano solo a Natale. Dovrò attendere l’anno prossimo». Ma lui le ha già ordinate e pagate in anticipo agli artigiani. Come fare? Anche molti dolciumi natalizi dovranno finire regalati ai poveri, o si tenterà di venderli online. Kevin Kratzsch offre nel suo chiosco a Hannover Kartofellpuffer, le frittelle di patate: «Quel che mi stupisce è la cecità dei politici, andare a letto la sera e non sapere se domani potrò riaprire, è una catastrofe».