Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 22 Lunedì calendario


Manuale della lingua di Zerocalcare

Ha ragione Zerocalcare: «Il sentimento di inadeguatezza e fragilità è universale». Ma se il senso generale della serie Netflix Strappare lungo i bordi può essere compreso allo stesso modo sia a Roma che in Giappone, chi la vedrà lontano dall’Italia - ma anche fuori dalla Capitale – potrebbe avere qualche difficoltà a cogliere se non il senso delle espressioni, la grande perizia nell’usare alcune inflessioni gergali romanesche. Quello che segue è un piccolo manuale non per comprendere la serie (comunque per i meno ferrati ci sono i sottotitoli) ma proprio per restituire la schiettezza, la spontaneità e la genuinità che Michele Rech, in arte Zerocalcare, ha messo nel suo linguaggio.


Te attacco un siluro che te faccio sanguinare le orecchie
Parlo così tanto finché le orecchie, non sopportando più le parole, cominciano a sanguinare per sfinimento.
C’hanno gonfiato come zampogne.
Ci hanno dato così tante botte che il viso ci si è gonfiato come fosse una zampogna.
Buttasse dal ponte d’Ariccia.
Suicidarsi.
Non ce parlo sennò pensa che so’ un sottone, invece deve sembra’ che non ne frega un c...o
Non ci parlo altrimenti pensa che gli do troppa importanza, invece deve credere il contrario.
Tra noi ce stava una chimica.
Tra noi c’era una certa intesa.
Che accollo.
Quanto sei appiccicoso, sei pesante.
Me batteva i pezzi.
Le piacevo, le interessavo.
Stamattina c’avevo proprio altri c...i.
Questa mattina avevo altre cose da fare.
Una sera che me pia bene.
Una sera che sono felice e spensierato.
Legarsi una cosa al c...o.
Farla in modo semplice, senza problemi.
Sbroccare.
Perdere la pazienza.
Non lo strozzo perché ho raggiunto un grado di resilienza che le ancelle de Handmaid’s Tale me spicciano casa.
Il mio grado di resilienza è talmente superiore che non può reggere il confronto con nessuno.
’Sta saccenza me fa sbrocca’.
Questa presunzione mi fa perdere la testa.
Peserà una piotta e mezza.
Peserà cento chili e mezzo (150 kg).
Non me la sento calla.
Non ho la voglia, il coraggio o lo spirito giusto.
Era una zappa.
Non era molto intelligente.
Pure sti c...i.
Chi se ne frega.
Se ciancica.
Si rovina.
Se fracica.
Si bagna.
So’ contento se se beccamo.
Sono contento se ci vediamo.
Poi te la devi accollà fino in fondo.
Poi la devi sopportare fino alla fine.
Te attacca una pippa.
Ti comincia a parlare a lungo di argomenti che non ti interessano.
Anche Alice era lella.
Anche Alice era lesbica.