Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  luglio 28 Mercoledì calendario


Il museo di Pornhub vietato ai minori

Un museo vietato ai minori di 18 anni. L’idea è del sito Pornhub, che ha creato Classic Nudes, una sezione di opere d’arte audaci o considerate tali esposte nei più importanti musei del mondo, dal Louvre al Prado, dagli Uffizi al Metropolitan di New York, dal Museo d’Orsay di Parigi alla National Gallery di Londra. «Alcuni pensano che i musei siano noiosi, soffocanti o grigi. Ma se vi dicessimo che ospitano una collezione porno inestimabile?», così Pornhub giustifica la sua scelta.
I musei coinvolti sembrano non apprezzare più di tanto. Se il Louvre inizialmente aveva deciso di avviare un procedimento giudiziario per poi rinunciare, a causa della mancanza di una base legale in Francia, in Italia la Galleria degli Uffizi ha deciso di diffidare Pornhub.
A ciascuna delle opere selezionate il sito ha deciso di aggiungere un cortometraggio introduttivo, con attori e attrici in carne e ossa. Tra questi, Ilona Staller, in arte Cicciolina, che impersona Venere nella celeberrima opera di Botticelli.
Tra le opere comprese in Classic Nudes, la Maja desnuda di Goya, conservata al Prado di Madrid. E la Venere di Urbino di Tiziano, temporaneamente inaccessibile, dopo il reclamo degli Uffizi. Ma anche una sezione intitolata «Un’altra prospettiva», che comprende opere extraeuropee, come sculture degli indiani Hopi o stampe giapponesi, che dimostrano quanto il tema sia universale.
Classic Nudes non è la prima incursione di Pornhub nel mondo dell’arte: nel 2019 il sito ha commissionato alla galleria Maccarone di Los Angeles una mostra di artiste, tra cui Louise Bourgeois, intitolata «The Pleasure Principle».