Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  gennaio 13 Mercoledì calendario


SILENT HILL – WASHINGTON È IN STATO DI GUERRA DOPO L’ASSALTO A CAPITOL HILL: LE STRADE SONO VUOTE, IN GIRO CI SONO PRATICAMENTE SOLO I 15MILA SOLDATI INVIATI PER PROTEGGERE LE ISTITUZIONI DA EVENTUALI NUOVI ATTACCHI E CHE DORMONO NEI CORRIDOI DEL CONGRESSO (FOTO) – L’ALLARME DELL’FBI PER L’INAUGURAZIONE DEL 20 GENNAIO: I GRUPPI ARMATI SI STANNO PREPARANDO. NON SE NE POTEVANO ACCORGERE PRIMA, VISTO CHE SUI SOCIAL CIRCOLAVANO VOLANTINI CHE INNEGGIAVANO ALL'ASSALTO? – VIDEO -

È il silenzio ansiogeno di una città in apnea, ogni tanto spezzato dal brusio lontano dei trapani o dall'acuto improvviso delle sirene. Washington aspetta il 20 gennaio, il giorno dell'Inaugurazione della presidenza di Joe Biden, come una località sull'Oceano attende l'impatto di un uragano. I camion scaricano i pannelli di legno per coprire le vetrine dei negozi, delle banche, degli alberghi. Il centro è vuoto.

La polizia ha chiuso alcune strade, mettendo di traverso i camion del genio militare. Il traffico sulle arterie principali, invece, è filtrato dalle pattuglie di agenti. La sindaca della città, Muriel Bowser, ha dichiarato lo stato di emergenza per 15 giorni. Ma il coprifuoco vero e proprio, con l'ordine tassativo di rientrare alle ore 18, è durato solo dal 6 al 7 gennaio. Le autorità, tutte le autorità, politiche e di polizia, sono in evidente apprensione. Nessuno vuole, né può permettersi di sbagliare ancora.

Questa volta non potranno esserci scuse. C'è tutto il tempo per prepararsi. L'Fbi avverte che il 20 gennaio ci potranno essere «attacchi armati» a Capitol Hill, ma anche alle sedi dei parlamenti nei 50 Stati dell'Unione. Nei giorni scorsi, invece, i gestori di Twitter spiegavano di aver individuato parecchi messaggi che pianificavano attacchi per il prossimo fine settimana, sabato 16 e, soprattutto, domenica 17.

Come impedire alle milizie trumpiane di tornare? Si stanno ancora studiando diverse ipotesi, compresa quella drastica di interrompere i collegamenti ferroviari e per via aerea.

Per ora esce allo scoperto Chuck Schumer, il prossimo leader della maggioranza democratica al Senato: «Chiedo all'Fbi e alle autorità di inserire tutti coloro che sono entrati illegalmente nel Congresso nella lista nera della Tsa (la Transportation security administration ndr), in modo che non possano prendere voli diretti a Washington». Ieri, intanto, squadre di operai stavano recintando, con reti alte due metri e mezzo, la grande striscia verde della National Mall, che va dal Lincoln Memorial all'obelisco dedicato a Washington, fino al Cupolone del Congresso.



Rimarranno lì per due settimane, almeno fino a domenica 24 gennaio. La Casa Bianca è già sigillata da tempo. Capitol Hill dal 7 gennaio. Il grande parco sul lato Ovest, quello assaltato dai supporter di Trump, è protetto da due linee di sbarramento. Un anello più esterno formato da semplici transenne. Poi, settanta-ottanta metri più in là, da barriere metalliche di tre metri circa, ancorate al terreno da basi in cemento. All'interno vediamo piccole pattuglie, non più di quattro-cinque soldati, più o meno ogni cinquanta metri.

La Guardia Nazionale, finalmente, è stata mobilitata in forze. Il Pentagono, i Governatori del Maryland e della Virginia hanno inviato circa 15 mila soldati nella capitale degli Stati Uniti. È un contingente da zona di guerra. Nessuno, però, sta sollevando obiezioni. Brucia ancora il tragico e grossolano errore, si vedrà se colposo o politicamente doloso, commesso alla vigilia del 6 gennaio. Risultato: cinque morti, tra i quali l'agente Brian Sicknick, 42 anni, da dodici anni in servizio al Congresso.

Ai piedi della colonna del Peace Monument, proprio di fronte a Capitol Hill, i colleghi hanno collocato le sue foto, con la scritta «Riposa in Pace, Eroe». Ci sono fiori, disegni con i cuori rossi e rosa, bandiere degli Stati Uniti. Il 4 gennaio la sindaca Bowser aveva chiesto lo schieramento solo di un centinaio di militari, piazzati poi a dirigere il traffico, per non dare l'impressione di «militarizzare» Capitol Hill.

Una preoccupazione condivisa dai due Sergeant at Arms, i responsabili per la sicurezza della House of Representatives e del Senato. Il ministero della Difesa, nel pieno dell'emergenza, aveva incredibilmente esitato. E solo alle 17, dopo quattro ore di battaglia, abbiamo visto arrivare sul posto circa mille unità della Guardia Nazionale. Da qui al 20 gennaio saranno dieci volte tanto, anche se il Comando ha deciso di mimetizzarle, tenerle al coperto negli edifici vicini al Parlamento o nelle caserme.

Per ora l'allerta è garantito dalle pattuglie della Metropolitan police. L'idea è quella di non asfissiare completamente la mobilità e la vita civile. Ci sono, però, alcune scelte curiose. Per esempio, gli edifici del Fondo Monetario e della Banca Mondiale sono chiusi, ma senza alcuna protezione. La piccola ambasciata del Messico, che sta proprio di fronte, si è invece ritratta in una corazza di legno.

I monumentali Archivi di Stato sono guardati a vista da quattro auto civetta. Stesso discorso per il castelletto dell'antico Ufficio Postale, oggi Trump Hotel. Poco più in là, invece, lo splendido National Museum of African American History, inaugurato nel settembre 2016 da Barack Obama con Stevie Wonder, è completamente sguarnito.