Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  gennaio 13 Mercoledì calendario


FOLLIE ITALIANE: UNO CHE SI SPARA IN VENA SOSTANZE DOPANTI NON E' DISPOSTO A FARSI IL VACCINO - "NON MI FARÒ MAI INIETTARE QUELLA MERDA” – SUL CARRO DEI NO VAX SALE ANCHE L’EX CICLISTA RICCO’, SQUALIFICATO PER 12 ANNI PER DOPING (AUTOEMATRASFUSIONE) - FU RICOVERATO IN OSPEDALE A MODENA IN GRAVI CONDIZIONI PERCHÉ SI ERA INIETTATO UNA SACCA DI SANGUE CONSERVATA IN FRIGO DA 25 GIORNI. E DALL’ALTO DEL SUO SELLINO MARCIO CI FA PURE LA PREDICA: “NON ROMPETE IL CAZZO ALLA GENTE COME ME CHE...” – IL POST L’HA RIMOSSO LUI O È STATO BANNATO DA FACEBOOK? - -   -

Si tratta di Riccardo Riccò. Sì, proprio lo stesso corridore che nel febbraio di dieci anni fa, era stato ricoverato in ospedale a Modena in gravi condizioni perché – come lui stesso aveva confessato ai medici – si era iniettato una sacca di sangue conservata in frigorifero da 25 giorni.

 “Leggo di una marea di persone che dicono che il vaccino deve essere obbligatorio!!!! Ma stiamo scherzando !!!! – ha scritto sulla sua pagina facebook il 37enne di Formigine – Io faccio quello che voglio del mio corpo. Nessuno può costringermi a fare qualcosa che, se avesse effetti negativi su il mio corpo, a rimetterci sarei solo io. Quindi: voi fatevi pure iniettare non so quale m….da, ma non rompete il c….zo alla gente come me che si è informata molto bene (da amici medici) e che non si farà un bel c…..zo di vaccino”.

Il post, va detto, non è più visibile sul suo profilo social e non è ancora chiaro se sia stato lo stesso Riccò a rimuoverlo oppure – come lui stesso scrive – sia stato bannato da facebook. Le sue parole, tuttavia, hanno subito sollevato uno sciame di prevedibili polemiche visto che la “predica” no-vax arriva da un atleta squalificato a vita per aver fatto uso di doping.

L’ergastolo sportivo – lo stesso comminato a Danilo Di Luca e a Lance Armstrong – era arrivato proprio il mese scorso con la sentenza della prima sezione del Tribunale nazionale antidoping.

Il 19 aprile del 2012 l’ex ciclista, attualmente residente a Formigine dove gestisce una gelateria, era stato inibito a 12 anni con scadenza 2024 per la pratica dell’autoemotrasfusione. Nel 2008, dopo il secondo posto al Giro d’Italia, Riccò era stato trovato positivo al Tour de France dove aveva anche vinto 2 tappe.