Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  gennaio 13 Mercoledì calendario


Se nella Ricerca l’inglese ha la meglio sull’italiano



La discussione sull’inglese produce in genere due opposti schieramenti. Quelli che volano sulle ali delle magnifiche sorti e progressive (anglofone), quelli che amano zavorrarsi nella tradizione (ah, il nostro povero italiano!). Esistono però più ragionevoli posizioni intermedie. Ora il ministro dell’Università ha deciso che anche quest’anno i progetti di ricerca (Prin) vengano redatti solo in inglese. Data per ovvia l’efficacia di una lingua, come l’inglese, che agisce da anni quale codice globale specie in ambito scientifico, è da truci passatisti porsi qualche domanda sull’italiano? Non sul suo astratto prestigio culturale, ma sulla sua funzionalità e vitalità, ovvero, come sostiene da tempo Maria Luisa Villa, immunologa e membro dell’Accademia della Crusca, sul suo «adeguamento al fluire della storia». Che significa? Significa che appiattirsi su una sola lingua annienta, con il plurilinguismo, le molteplici prospettive di pensiero e di cultura di cui le altre lingue sono portatrici. Così come rischia di ridurre a zero la possibilità di una relazione tra scienza e società locale. Se ne rende conto anche la rivista internazionale «Nature», che ha deciso di ospitare supplementi nelle lingue europee (il primo articolo bilingue è toccato all’italiano). Per questo sarebbe indispensabile tener vivo il linguaggio scientifico nella propria lingua madre, pena il trasformarla in dialetto. E per questo, la Crusca chiede che accanto all’inglese resti l’italiano nella redazione delle domande nei Prin. Resta da precisare che l’inglese funzionerebbe in chiave di trasparenza, in quanto aprirebbe a commissari stranieri (anglofoni) esenti dal conflitto di interessi degli italiani. Giusto. Ma come avverte Claudio Marazzini, presidente della Crusca, se esistono sospetti del genere a maggior ragione si richiede un testo italiano accessibile a tutti i cittadini italiani, anche non anglofoni e non scienziati.