Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  novembre 28 Sabato calendario


IL DONO DELL'IMPOSTURA - M.PARENTE: ''CHE FABRIZIO CORONA, TRA UNA SBRUFFONATA E L'ALTRA, DICHIARI ANCHE DI AVERE 'IL DONO DELLA SCRITTURA' FA RIDERE I POLLI. IL SUO LIBRO L'HO RECENSITO BENE ED È SCRITTO BENISSIMO, PERCHÉ L’HA SCRITTO UNO SCRITTORE, ENRICO DAL BUONO. UN LIBRO È UN LIBRO, DI COSA C’È DIETRO ME NE FREGA POCO, PURCHÉ QUELLO CHE C’È DAVANTI NON VOGLIA PRENDERTI PER IL CULO'' -

Caro Dago, va bene tutto, ma che Fabrizio Corona, tra una sbruffonata e l’altra, dichiari anche di avere “il dono della scrittura” fa ridere i polli, figuriamoci me scrittore che ho passato la vita a scrivere senza avere il tempo di vivere. Il libro di Corona invece io stesso l’ho recensito bene trattandolo come un romanzo, e come tale è scritto benissimo, perché l’ha scritto uno scrittore, Enrico Dal Buono, di cui è appena uscito il nuovo romanzo Siete tutti perdonati, edito come il libro di Corona da La Nave di Teseo.

E bene ha fatto Elisabetta Sgarbi a pubblicarli entrambi, il romanzo di Corona scritto da Dal Buono e il romanzo di Dal Buono firmato da Dal Buono, perché sono entrambi buoni, e per me un libro è un libro, di cosa c’è dietro me ne frega poco, purché quello che c’è davanti non voglia prenderti per il culo.

Insomma, io il libro di Corona di Dal Buono lo consiglio, come anche quello di Dal Buono scritto da Dal Buono, ma ci manca solo un altro coglione che per ignoranza si atteggia a scrittore, mentre come personaggio trash va benissimo e infatti va ovunque, ma sappia che anche L’idiota di Dostoevskij ha avuto una vita da romanzo, perché non esisteva e perché c’è stato Dostoevskij a scriverla, mentre nella vita reale sarebbe stato un idiota e basta, e all’epoca non ci sarebbero stati neppure Giletti o la D’Urso per non farlo apparire tale.  Baci, 

Massimiliano Parente 

www.massimilianoparente.com