Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  novembre 28 Sabato calendario


“MARADONA HA BARATO. DOPO IL GOL CON LA MANO È SCAPPATO E NON SI E’ MAI SCUSATO” – SHILTON, PORTIERE DELL’INGHILTERRA AL MONDIALE ’86, ANCORA NON SI E’ RIPRESO. GASCOIGNE LO SFOTTE IN TV SENZA PIETA': “SENZA QUEL GOL DI MANO DI MARADONA, NON TI CONOSCEREBBE NESSUNO” – L’EX NUMERO 1 DELL’INGHILTERRA: “HO FATTO ALTRI VENT’ANNI DA PROFESSIONISTA DOPO L’AZTECA..” - VIDEO -

Nelle varie interviste arrivate dopo la morte di Maradona, Shilton, il portiere dell’Inghilterra nei Mondiali dell’86, compartecipe del famoso gol di Maradona ribattezzato la “Mano di Dio” aveva parlato dell’episodio dicendo che Diego non si era mai scusato con lui per avergli segnato irregolarmente con la mano

Il Corriere dello Sport riporta un divertente siparietto avvenuto su ITV con un battibecco tra Paul Gascoigne e Shilton. Il centrocampista inglese infatti ha ripreso il portiere per le sue uscite sul famoso gol

«Diego è stata un’icona del calcio, è stato un privilegio giocare contro di lui in amichevole. Molta gente continua a tirare fuori la Mano di Dioi.. ma la realtà caro Shilton, è che senza Maradona quel giorno non ti conoscerebbe nessuno»





Piccata la risposta dell’ex numero uno dell’Inghilterra che si difende così

«Beh, ho fatto altri vent’anni da professionista dopo l’Azteca..»

Shilton, sottolinea il Corriere dello Sport è l’unica voce fuori coro che ancora ricorda con astio quell’episodio

«Nessuno di noi in campo immaginava che Maradona avese il coraggio di macchiarsi di un gesto del genere. Eravamo tutti impreparato, non potevamo arrivare al pallone e così ha deciso di barare. Dopo è scappato, ma l’ho visto voltarsi e guardarmi due volte. Forse aspettava la reazione dell’arbitro. Senza quel gesto, avremmo vinto la partita e forse il mondiale»