Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  novembre 28 Sabato calendario


Biografia di Gaetano Azzariti

Giovedì 5 gennaio 1961. Muore il presidente della Corte Costituzionale Gaetano Azzariti. Nato a Napoli il 23 marzo 1881, era stato via via responsabile dell’ufficio legislativo del Ministero di Grazia e Giustizia tra 1927 e 1949 (salvo il periodo da ministro); presidente del Tribunale della Razza dopo le leggi razziali; ministro di Grazia e Giustizia di Badoglio tra 25 luglio 1943 e 15 febbraio 1944; stretto collaboratore del leader del Pci Palmiro Togliatti quando era stato lui ministro di Grazia e Giustizia;  membro delle due Commissioni per la riorganizzazione dello Stato e per la riforma dell’amministrazione (Commissioni Forti), nell’ambito del ministero per la Costituente; presidente del Tribunale Superiore delle acque pubbliche. Collocato a riposo per raggiunti limiti d’età nel 1951, il 3 dicembre 1955 venne nominato giudice costituzionale dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Come tale, fu relatore della prima storica sentenza, che affermava la competenza della Corte a giudicare la legittimità costituzionale delle norme entrate in vigore prima della Costituzione repubblicana. Era divenuto poi il secondo Presidente della Corte, dal 6 aprile 1957.