Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  settembre 16 Mercoledì calendario


La praticante si sposa, avvocato le regala un buono per il divorzio

Provocatorio e anche scaramantico, visto che le nozze cadono proprio domani, di 17, in sostanza: singolare regalo da parte di un avvocato specializzato in diritto di famiglia alla sua praticante, Francesca, che invece del tradizionale viaggio ai Caraibi o del sempre apprezzatissimo televisore 50 pollici, ha ricevuto un buono per una separazione consensuale gratuita o giudiziale della durata di tre anni. Una boutade con la quale l’avvocato Carmen Posillipo del Foro di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) ha voluto sottolineare la preoccupante tendenza all’aumento delle separazioni che si registrano nei primi tre anni di matrimonio.
"Se supererà il limite – dice sorridendo la professionista – convertirò il buono in denaro”. “L’ho fatto – scrive Carmen nel biglietto di auguri – un po’ per esorcizzare, un po’ per gioco e anche per scaramanzia” perché, aggiunge, “il costo della fine di un matrimonio manda in rovina ogni famiglia, quindi prima di usare questo buono pensateci bene. Auguri”. Di casi di separazione, anche a distanza di pochi mesi dallo sposalizio, Carmen Posillipo ne ha visti a bizzeffe. “Le coppie non si sposano più in età adolescenziale – sottolinea – ma dopo aver sedimentato abitudini e convinzioni a cui è difficile rinunciare”. “Marito e moglie – spiega ancora Posillipo – approdano all’altare già con una certa solidità economica.
 

Sembrano più dei soci in amore e in affari” quindi “appena si palesa la necessità di un compromesso è più facile rifugiarsi nello status quo ante che affrontare la difficoltà”. Nella migliore delle ipotesi si presentano nel suo studio pronti a recidere il legame anche per un nonnulla. “Alla prima litigata – fa sapere – uno dei due prende i bagagli e se ne torna dai genitori”.  La sposa, comunque, non si è fatta trovare impreparata alla consegna del regalo: “A Carmen piace esorcizzare ma considerando quante ne ho viste passare allo studio e, soprattutto, quanto mi è costato il matrimonio, mi auguro che duri almeno dieci anni. Comunque – ha aggiunto Francesca – credo di avere scelto bene”. Esilarante il vocale del marito di Francesca alla principale della sua futura moglie: “Carmen, ma il regalo vale anche per me? Sto coperto pure io?”.