Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  settembre 16 Mercoledì calendario


La famiglia Pesenti passa all’incasso

La famiglia Pesenti passa all’incasso. Qualche giorno fa, infatti, presieduta da Luca Minoli sì è svolta l’assemblea soci di Cemital Privital Aureliana, detenuta dalle olandesi Efiparind e Efiparind & Cie dei Pesenti, che controlla il 48,8% della quotata Italmobiliare per approvare il bilancio 2019 chiuso con un utile di 11,2 milioni di euro. Il profitto è stato destinato a riserva per soli 248mila euro mentre gli azionisti hanno incassato un dividendo complessivo di 36,7 milioni attinto per 10,8 milioni dal residuo profitto dello scorso anno cui si sono aggiunti 25,7 milioni tratti dalla riserva di avanzo di fusione.La distribuzione di riserve è stata motivata perché la società che ha un patrimonio netto di oltre 27 milioni e liquidità per 37 milioni «non ha necessità di risorse finanziarie per ulteriori operazioni di investimento». L’utile del 2019 non è immediatamente comparabile a quello dell’esercizio precedente perché la società è la risultante della fusione, avvenuta lo scorso anno, dei tre veicoli Cemital, Privital e Finanziaria Aureliana e da cui è derivato un avanzo di fusione di 53,5 milioni. Il valore di carico della partecipazione in Italmobiliare è di 96,8 milioni, in carico a circa 4,3 euro per ognuna dei 20,7 milioni di azioni possedute prive di valore nominale: la quota, perciò, evidenzia una potenziale plusvalenza di oltre 530 milioni rispetto agli attuali prezzi di borsa.