Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  settembre 16 Mercoledì calendario


Nuovi lavori? Il chief smart working officer

C’è quello che a casa proprio non ci vuole stare perché non ha lo studio per i meeting su Zoom (ed è stufo di farli dalla toilette). C’è chi invece lavorerebbe tutta la vita dal proprio letto come era solito fare Winston Churchill, anche da premier, durante la Seconda guerra mondiale. C’è poi quello che ha paura che in sua assenza gli levino la postazione: perché è evidente che è un piano segreto per i licenziamenti di massa e che il virus è tutta un’invenzione. Lo smart working, o working at home piuttosto che remote working come semplificano in molti altri Paesi, si porta dietro molte malintesi, innanzitutto perché arrivato troppo in fretta: a) avrebbe solo vantaggi; b) se è «smart», cioè intelligente, vuole dire che prima eravamo stupidi?; c) sarebbe in contrapposizione dicotomica con il lavoro tradizionale; d) sarebbe più produttivo. La risposta esatta, come sempre nella realtà, è: dipende. a) Non è vero che ha solo vantaggi perché dobbiamo, per esempio, ripensare gli spazi personali come ibridi; b) per molti lavori e funzioni la scelta «intelligente» è stare in ufficio, come per quelle posizioni che una brillante sociologa ha definito «i nodi» delle organizzazioni lavorative; c) yin e yang non c’entrano: forse ha più senso dire che lo smart working è più efficace per la parte operativa e gli spazi fisici sono migliori per la parte creativa e di condivisione di idee; d) dalle prime ricerche Usa risulta che molti leader hanno aumentato il numero di meeting online per un motivo poco scientifico: l’ansia di contare di meno che in ufficio. La verità è che l’approccio al lavoro dovrà trovare una sorta di terza via che non sia né quella di prima, né quella del lockdown. Non sarà né facile, né indolore, né un fenomeno passeggero. Per questo nelle aziende dovrebbe nascere il chief smart working officer, una figura nuova che non sia il capo del personale e che si occupi a tempo pieno dell’organizzazione del lavoro, anche con un approccio «umanistico» e non solo contabile alle esigenze delle persone. Una nuova cultura della presenza ibrida potrebbe creare anche occasioni di incontro tra domanda e offerta di lavoro superando il classico limite geografico. Non ultimo, le aziende che non vorranno affrontare il cambiamento si troveranno a non essere competitive per i «nomadi» digitali. Lo smart working logora, chi non ce l’ha. Ma è pur sempre lavoro: stanca.